FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3920997
Home » Attualità » Pari opportunità » Un 8 marzo contro la disuguaglianza di genere

Un 8 marzo contro la disuguaglianza di genere

Lavoro precario, salario inadeguato e spesso l’obbligata scelta tra impiego e maternità: la parità uomo donna in ambito professionale è ancora una battaglia da conquistare.

06/03/2015
Decrease text size Increase  text size

Ogni anno, da quasi cento anni, festeggiamo l’8 marzo ricordando le conquiste sociali, politiche ed economiche che le donne hanno faticosamente raggiunto nel tempo, pagando a volte un duro prezzo. Ma l’8 marzo, oggi ancor di più che ieri, non può essere una festa. Piuttosto, un promemoria: un gigantesco memo che ci ricorda ogni giorno che tanto è stato fatto ma che tanto bisogna ancora conquistare.

Perché oggi (soprattutto oggi) che la crisi economica si aggrava e rende precaria l’esistenza stessa dell’essere umano, permane ancora una condizione di profonda disuguaglianza lavorativa tra uomini e donne. Una disuguaglianza che si acuisce tutti i giorni quando le donne continuano a predominare nei lavori precari, sottovalutati e di bassa qualità, quando sono escluse da ruoli dirigenziali, quando il loro salario è inferiore a quello dei colleghi uomini, quando subiscono violenza, fisica e mentale, senza che la cosa preoccupi minimamente qualcuno. E quando tutto questo si tramuta in una difficoltà reale di conciliare la vita familiare e il contesto lavorativo, anche a causa dei servizi pubblici che le politiche di austerità continuano a tagliare, e portano molte donne a dover scegliere se lavorare o essere madri.

E alla domanda di molti, se il jobs act migliorerà o favorirà l’aumento dell’occupazione, noi non solo rispondiamo di no, ma purtroppo attestiamo anche che non prende nemmeno minimamente in esame il tema delle disuguaglianze di genere. E contiene, anzi, molte ombre nella parte dedicata alla tutela della maternità e alla conciliazione dei tempi.

Strumenti che incentivino ingresso e permanenza delle donne nel mondo del lavoro, con un piano straordinario di implementazione dei servizi di cura e di assistenza, come la CGIL ha proposto nel “Piano del lavoro”: di questo ha bisogno l’occupazione femminile. E che le politiche di genere vengano ripensate non in un’ottica contorta che guarda alle donne come a dei soggetti che vanno protetti e tutelati, ma piuttosto in un’ottica che individui e valorizzi le diversità uomo e donna e le metta in campo per riorganizzare il lavoro in modo più produttivo e socialmente utile.

È una battaglia che va vinta, e per la quale noi non ci stancheremo mai di lottare.