FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3952046
Home » Attualità » Fondi europei 2014–2020 » Programmi operativi nazionali » PON “Per la scuola” » Piano nazionale scuola digitale: pubblicati dopo 6 mesi gli elenchi delle scuole collocate in aree a rischio beneficiarie delle risorse per la realizzazione di ambienti digitali

Piano nazionale scuola digitale: pubblicati dopo 6 mesi gli elenchi delle scuole collocate in aree a rischio beneficiarie delle risorse per la realizzazione di ambienti digitali

Finanziate 106 scuole. Risorse impiegate pari 3,71 milioni di euro. In scadenza altri avvisi

11/07/2019
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Con decreti del Direttore Generale per gli interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l’istruzione e per l’innovazione digitale n. 15 del 29 gennaio 2019 e n. 67 del 28 febbraio 2019, sono stati resi noti gli elenchi delle scuole collocate in aree a rischio beneficiarie di finanziamenti per la realizzazione di ambienti digitali e la formazione dei docenti all’utilizzo dell’ICT (Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione). Da notare che i decreti sono stati pubblicati con circa sei mesi di ritardo rispetto alla loro adozione.

Premesso che ogni istituzione scolastica è beneficiaria di un finanziamento pari a € 35.000,00, con il DD 15/19 vengono finanziate 40 scuole con le risorse del “Fondo per l’innovazione digitale e la didattica laboratoriale” relativi all’anno 2018, il DD 67/19 sono finanziate 46 scuole con le risorse del medesimo Fondo relative all’anno 2019. Da notare che i due provvedimenti fanno riferimento a due decreti ministeriali, il n. 762 del 2018 e il n. 62 del 2019 mai resi noti.

Le istituzioni scolastiche sono state individuate in modo “oggettivo” sulla base del livello di disagio negli apprendimenti, dello status socio-economico della famiglia di origine rilevato dall’INVALSI, del tasso di dispersione scolastica, del tasso di deprivazione territoriale ISTAT (tutti idati relativi all’ultima rilevazione disponibile), distribuite, proporzionalmente alla popolazione studentesca.

Il finanziamento sarà corrisposto secondo le seguenti modalità

a) 50% dell’importo dovuto a titolo di acconto

b) il restante 50% a saldo previa rendicontazione delle spese sostenute

In questa tabella la distribuzione territoriale delle istituzioni scolastiche finanziate:

Regione

Numero Istituzioni finanziate

Risorse

ABRUZZO

4

140.000

BASILICATA

1

35.000

CALABRIA

4

140.000

CAMPANIA

10

350.000

EMILIA ROMAGNA

8

280.000

FRIULI VENEZIA GIULIA

4

140.000

LAZIO

8

280.000

LIGURIA

2

70.000

LOMBARDIA

13

455.000

MARCHE

4

140000

MOLISE

2

70.000

PIEMONTE

6

210.000

PUGLIA

7

245.000

SARDEGNA

4

140.000

SICILIA

9

315.000

TOSCANA

8

280.000

UMBRIA

2

70.000

VENETO

10

350.000

TOTALE

106

3710000

Ulteriori avvisi del PNSD

Il 10 luglio è scaduto il termine per l’individuazione, a seguito dell’acquisizione di manifestazioni di interesse, di istituzioni scolastiche di riferimento per la realizzazione di azioni di potenziamento delle competenze degli studenti attraverso metodologie didattiche innovative (nota 20769 del 21 giugno 2019).

Le istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione potevano proporre esclusivamente progetti didattici relativi allo sviluppo del pensiero computazionale e della creatività digitale, anche in continuità verticale fra i diversi ordini e gradi di scuola.

Le istituzioni scolastiche del secondo ciclo potevano proporre esclusivamente progetti didattici, di rilevanza nazionale e internazionale, basati su metodologie didattiche innovative con l’utilizzo delle tecnologie digitali, anche ispirati al modello dell’apprendimento connesso e dell’apprendimento basato sulle sfide. L’avviso è stato emanato in attuazione del DM 326/19.

Scade l’11 luglio 2019 il termine per la presentazione delle domande per promuovere l’ammodernamento delle attrezzature tecnologiche e il potenziamento e lo sviluppo della didattica laboratoriale con l’utilizzo delle tecnologie digitali in favore degli istituti agrari che abbiano attivato corsi di specializzazione dell’opzione per “Enotecnico” (nota 20770 del 21 giugno 2019). Sono ammessi alla selezione pubblica gli istituti agrari che abbiano attivato il corso di specializzazione per enotecnico (VI anno), ai sensi dell’articolo 8, comma 1, del Regolamento sugli istituti tecnici (DPR 88/10).

Il contributo massimo attribuibile dal MIUR a ciascuna istituzione scolastica per la realizzazione degli ambienti di apprendimento innovativi è pari a € 85.000,00.

L’Avviso è stato emanato in attuazione dell’art. 3 del DM 279/19 che prevede un investimento complessivo pari a € 1.020.000,00.

Il nostro commento

L’esiguità dei finanziamenti nazionali nonché la loro estrema parcellizzazione e frammentazione tematica erogati, peraltro, attraverso un ginepraio di decreti ministeriali e decreti dipartimentali di cui non si sentiva alcun bisogno e spesso pubblicati con colpevole ritardo, conferma come nell’ambito del PNSD, sia solo il PON “Per la scuola” a prevedere interventi estesi sull’intero sistema educativo, mentre le risorse nazionali stanziate dalla Legge 107/15, vadano a finanziarie interventi una tantum e/o rivolti a un numero limitato di istituzioni scolastiche.