FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3950240
Home » Notizie dalle Regioni » Sicilia » Scuola: FLC CGIL Sicilia, regionalismo differenziato è una condanna per il Sud

Scuola: FLC CGIL Sicilia, regionalismo differenziato è una condanna per il Sud

Pistorino: colmare l’enorme divario tra i diritti a cominciare dall’ampliamento del tempo pieno e dalla stabilizzazione degli organici di sostegno in deroga.

15/02/2019
Decrease text size Increase  text size

A cura della FLC CGIL Sicilia

“Il regionalismo differenziato è una condanna per la scuola siciliana e per tutto il Sud”. Lo dice Graziamaria Pistorino, segretaria regionale della FLC CGIL Sicilia, nel corso di un’assemblea dei lavoratori presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Messina.

“Qui – aggiunge – mancano quelle infrastrutture indispensabili allo sviluppo che i governi nazionali, senza garantire i Lep (Livelli essenziali delle prestazioni), hanno costruito e che continuano a costruire al Nord. Nelle Regioni meridionali, infatti, il Miur non ha fatto gli investimenti necessari per recuperare il gap con il resto del Paese”.

“Bisogna smetterla – continua Pistorino – con questa retorica per cui se il Sud è sottosviluppato è colpa esclusiva, come dice il ministro, dei lavoratori che non si impegnano o delle classi dirigenti locali. Non c’è dubbio che queste abbiano grandi colpe, ma c’è una responsabilità delle classi dirigenti nazionali che hanno abbandonato questa parte d’Italia al proprio destino”.

“Gli studenti del Sud – conclude Pistorino – hanno sulla Carta gli stessi diritti di tutti gli altri studenti italiani. Per questo lo Stato deve garantire loro le medesime opportunità e i medesimi standard d’istruzione. Prima di attuare il regionalismo differenziato, quindi, chiediamo al governo e al ministro dell’istruzione Bussetti di darsi da fare per colmare l’enorme divario tra i diritti degli alunni del Nord e quelli del Sud a cominciare dall’ampliamento del tempo pieno e dalla stabilizzazione degli organici di sostegno in deroga”.