FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3951307
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Trasparenza a pagamento Il Miur tassa la copia dei documenti

Trasparenza a pagamento Il Miur tassa la copia dei documenti

Un decreto disciplina i costi per l'accesso agli atti

14/05/2019
Decrease text size Increase text size
ItaliaOggi

Marco Nobilio

Per estrarre copia degli atti e dei documenti in possesso dell'amministrazione scolastica e universitaria non basterà pagare 25 centesimi per ogni fotocopia: bisognerà pagare 10 euro per la notifica al controinteressato, 1 euro a pagina se la domanda contiene dati personali da oscurare e 10 centesimi a pagina solo per la visura. Se l'accesso e l'estrazione di copia avverrà per posta, i relativi costi saranno posti a carico del richiedente. Se per posta elettronica, i costi per l'eventuale scansione saranno quantificati come se si trattasse di fotocopie. Se poi i documenti richiesti dovessero essere in formato cartaceo, bisognerà anche pagare 12,50 euro per ogni ricerca in archivio. I contributi saranno dovuti solo se il costo dell'operazione supererà i 50 centesimi. Al di sopra di tale importo, dovrà essere effettuata la riscossione dell'intera cifra. Compresi i 50 centesimi. Ai fini dell'esenzione del rimborso, non sarà consentito frazionare la richiesta di copie relative agli stessi documenti da parte del medesimo soggetto. È l'effetto di un decreto emanato dal ministero dell'istruzione il 17 aprile scorso (662). Che detta le regole in materia di rimborso dei costi di riproduzione, per il rilascio di copie e diritti di ricerca di atti e documenti nell'ambito dei procedimenti di competenza del ministero dell'istruzione. L'accesso a pagamento vale per tutti gli atti e documenti conservati dall'amministrazione scolastica, comprese le domande di trasferimento, i verbali degli organi collegiali, gli atti di gestione del rapporto di lavoro e tutti gli atti conservati nel fascicolo personale di docenti e Ata presso le segreterie scolastiche. Ma anche gli atti della selezione per i Prin da parte delle università escluse.

Le nuove norme sono state emanate per dare attuazione all'articolo 25, comma 1, della legge 7 agosto 1990, n. 241. Il quale dispone che il diritto di accesso si esercita mediante esame ed estrazione di copia dei documenti amministrativi, nei modi e con i limiti indicati dalla presente legge. Il mero esame dei documenti è gratuito. Ma il rilascio di copia «è subordinato al rimborso del costo di riproduzione, salve le disposizioni vigenti in materia di bollo, nonché i diritti di ricerca e di visura». Ciò che si paga, dunque, non è la cosiddetta ostensione del documento richiesto e la relativa lettura (che può comprendere anche la possibilità di prendere appunti) ma tutto ciò che viene prima della messa in mostra dell'atto o del documento richiesto affinché il richiedente possa visionarlo (cosiddetta ostensione) e l'eventuale estrazione di copie. Il procedimento di accesso, peraltro, dal 2006 è gravato anche dall'onere, per l'amministrazione, di individuare e notiziare il controinteressato all'accesso (si veda il dpr 184/2006).

Per esempio, se un docente presenta una domanda di accesso riguardante una domanda di trasferimento di un collega, l'amministrazione, prima di consentire l'accesso, è obbligata ad avvertire in forma scritta il docente che ha presentato la domanda oggetto dell'accesso (cosiddetto controinteressato). E quest'ultimo ha diritto a presentare una motivata opposizione all'accesso richiesto. Se l'opposizione viene accolta dall'amministrazione, la domanda di accesso viene rigettata. Se invece viene accolta, l'amministrazione ha l'obbligo di contattare il controinteressato informandolo del suo diritto di presenziare nel momento in cui l'accesso. Prima questi costi erano posti a carico dell'amministrazione. Adesso dovrà provvedere il titolare del diritto di accesso che intenda azionarlo.

I costi aumentano se i controinteressati sono più di uno. Che possono risultare proibitivi, se per ogni accesso bisognerà effettuare una ricerca su documenti cartacei: 12,50 euro per ogni ricerca e 10 euro per le notifiche più i costi per la visura (10 centesimi a pagina) e per l'estrazione di copia (25 centesimi a pagina) e l'oscuramento degli eventuali dati personali (1 euro a pagina). Si pensi per esempio ai concorsi, dove i controinteressati possono essere anche centinaia di persone.

Nel caso di richiesta di copie di documenti in bollo, al pagamento dell'imposta di bollo provvederà direttamente il richiedente, fornendo all'ufficio competente al rilascio la marca da bollo. L'importo è pari a euro 16,00 per marca da bollo ogni 4 fogli/facciate. Resta salvo il diverso regime fiscale previsto da speciali disposizioni di legge. Le somme relative ai costi devono essere corrisposte mediante acquisto di marche da bollo, annullate a cura dell'ufficio, ovvero mediante versamento da effettuarsi presso la Tesoreria Provinciale dello Stato in conto entrate Tesoro Capo 13 – Capitolo 3550 – ART. 02 denominato «Entrate eventuali e diverse concernenti il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca - Somme relative a servizi resi dall'amministrazione», il cui IBAN è: IT43K0100003245348013355002 con indicazione della causale «rimborso accesso - L. 241/90». La giurisprudenza ha chiarito che sono accessibili anche gli atti negoziali di diritto privato se detenuti stabilmente dall'amministrazione.