FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3959173
Home » Rassegna stampa » Nazionale » In Puglia la scuola è nel caos. Il Tar: tutti in classe ma anche no

In Puglia la scuola è nel caos. Il Tar: tutti in classe ma anche no

Due sentenze del Tar nello stesso giorno riaprono e richiudono le scuole già serrate dal presidente della regione Michele Emiliano. Pressioni per riaprire almeno fino alla prima media, come disposto dall'ultimo Dpcm. Il movimento "Priorità alla scuola" organizza le proteste oggi e domani in tutto il paese

07/11/2020
Decrease text size Increase text size
il manifesto

Roberto Ciccarelli

In un solo giorno due sentenze del Tar hanno riaperto e richiuso le scuole in Puglia.

Prima è arrivata la decisione del Tar, sezione di Bari, che ha accolto la richiesta di sospensione dell’ordinanza del presidente della regione Michele Emiliano che ha disposto la chiusura di tutte le scuole e ha ordinato la loro riapertura. Pochi minuti dopo è arrivata la decisione del Tar di Lecce, di segno opposto: l’ordinanza di Emiliano va bene, viene prima il diritto alla salute e non quello all’istruzione, le scuole restano chiuse.

In questo caos politico-amministrativo dalla Regione ieri circolavano voci su una nuova ordinanza che, da lunedì 9, potrebbe riaprire le scuole. Richieste in questo senso sono arrivate da più parti negli ultimi giorni. Ad esempio dall’Ufficio scolastico regionale, dai presidi e dai sindacati Flc Cgil, Cisl e Uil scuola, Snals e Gilda. La regione Puglia, dicono, dovrebbe riaprire le scuole elementari e la prima media con lezioni in presenza come stabilito dall’ultimo «Dpcm» per le regioni in «zona arancione» come la Puglia. La vecchia ordinanza di Emiliano scade il 24 novembre. Il nuovo «Dpcm» scade invece il 3 dicembre.

Nella nuova ordinanza la Regione sarebbe intenzionata ad attribuire ai presidi, ai docenti e ai genitori la responsabilità di gestire la situazione. Ieri si parlava di tutelare la scelta di chi riterrà opportuno tenere i figli a casa invece di mandarli a scuola. Visto che il governo e le regioni non sono capaci di tenere aperte o chiuse le scuole in un’emergenza sanitaria, la decisione sarebbe lasciata ai singoli. A questo può portare la crisi politica del federalismo all’italiana travolto dalla crisi del Covid: dalla scuola online alla scuola fai-da-te.

«Anche il governatore della Campania De Luca – sostiene il movimento di genitori e docenti “Priorità alla scuola” – ottemperi almeno al nuovo Dpcm, riaprendo le scuole, come richiesto da una sentenza del Tar pugliese». Oggi e domani il movimento organizzerà sit-in di protesta in tutta Italia.


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33

I più letti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL