FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3957520
Home » Rassegna stampa » Nazionale » E se non andasse tutto bene?

E se non andasse tutto bene?

La Flc-Cgil della Val d'Aosta scrive alle famiglie: sono tante le criticità che andranno affrontate nel prossimo anno, frutto anche di ritardi accumulati nel passato. Compito del sindacato individuare le difficoltà e aiutare a risolvere i problemi. Ma servono investimenti e risorse straordinarie

06/08/2020
Decrease text size Increase text size
Collettiva.it

Pubblichiamo ampi stralci di una lettera che la Flc-Cgil del Val d'Aosta ha scritto alle famiglie, in previsione di un anno scolastico importante, ma difficile e con tanti nodi ancora da sciogliere vista la situazione con cui le scuole affronteranno un'emergenza sanitaria che non è ancora finita

Care famiglie che avete figli in età scolare,

giunti a poco più di un mese dalla riapertura dell’anno scolastico, la Flc-Cgil pensa sia doveroso rendervi partecipi, voi che siete parte fondamentale della comunità scolastica, della realtà in cui si troverà a operare il mondo della scuola. Soprattutto ritiene necessario che i cittadini debbano conoscere le difficoltà che l'amministrazione pubblica, attraverso i suoi canali ufficiali e i media, cerca di minimizzare, rispondendo a esigenze di realpolitik. La politica del “Va tutto bene” non funziona, le criticità ci sono e andrebbero affrontate. (...)

Ma non si possono affrontare le criticità della scuola senza pensare di non investire maggiori risorse, che, per quanto siano state incrementate, non sono ancora sufficienti, anche in Valle d’Aosta, per essere in linea con la media dei grandi paesi europei. (...) A un incremento delle risorse, tuttavia, deve corrispondere una precisa e rigorosa capacità progettuale che questa nostra amministrazione continua a non dimostrare, rispondendo alle emergenze sempre e solo con interventi provvisori (vedi scuole-polmoni e scuole-container).

Le risorse per l’istruzione non devono essere considerate spesa pubblica da tagliare, ma investimento strategico che significa capacità di analizzare e programmare diversi aspetti  per poi formulare strategie di intervento. A titolo di esempio, è vero che c’è stato un investimento di maggiori risorse per aumentare l’organico (circa 2,2 milioni di euro), ma questo aumento, che in ogni caso non è sufficiente, non è stato determinato in modo razionale, ovvero non si è fatta a priori una ricognizione e una quantificazione, come i sindacati hanno continuato a chiedere fin dal mese di aprile, degli spazi nelle scuole per determinare il numero esatto di alunni e conseguentemente il numero dei docenti necessari al regolare svolgimento della didattica, così da far rientrare in presenza e in condizione di sicurezza lavoratori e studenti. 

Si rischia, in questo modo, che l’organico aggiuntivo non sia distribuito in maniera adeguata (non si può assegnare sulla carta un insegnante in più per scuola, quando magari una scuola non ne ha bisogno e un’altra ne ha bisogno di due!) e che non si tutelino le scuole che hanno veramente necessità, disperdendo risorse e energie; inoltre se la situazione epidemiologica dovesse richiedere l’attuazione di altre speciali misure di prevenzione del contagio, allora lo scenario degli organici potrebbe ancora cambiare, ma tutto ciò non è stato preventivato.

Quando si parla di organico non ci si riferisce solo al corpo docente, ma anche al personale Ata. Su questo punto l’amministrazione non ha definito con chiarezza quale sarà il personale Ata aggiuntivo (bidelli, per intenderci): al momento vi sono scuole completamente sprovviste e questo è già grave in una situazione normale, ma con l’emergenza Covid-19 diventa una situazione insostenibile e un’urgenza da risolvere. (...)

Non si può svolgere nessuna professione senza certezze e senza una strada ben tracciata che porti a obiettivi chiari altrimenti ai nostri studenti che messaggi diamo? È un assunto principale della pedagogia: non si raggiungono risultati, se l’obiettivo da raggiungere non è chiaro e come può essere efficace la formazione se non è efficace il sistema su cui insiste e se non si riescono a dare messaggi limpidi?

Abbiamo detto che queste criticità erano già presenti prima: per esempio da anni si chiede che le insegnanti e gli insegnanti della primaria vengano sostituiti sin dal primo giorno di assenza, richiesta mai accolta nel passato e non lo sarà neanche nella scuola post-covid (più che mai necessario nella situazione emergenziale); oppure sono anni che si chiede che i bambini con disabilità abbiano una copertura con un insegnante di sostegno al 100%, richiesta mai accolta, neppure in emergenza. Si è chiesto per il prossimo anno scolastico di prevedere risorse per attuare piani di recupero per quegli studenti che con la didattica a distanza sono stati penalizzati per diverse ragioni. Ma anche su questo il sindacato non è stato ascoltato. Sono anni che la situazione dell’edilizia scolastica nel capoluogo richiede interventi urgenti, ma negli anni si è perso tempo e oggi la risposta sono dei container.

Care famiglie, il sindacato non è corporativista. (...) Il sindacato chiede semplicemente una scuola migliore che “salvaguardi, le specificità di ogni singola fascia di età e ampli la prospettiva dal principio dell’obbligo all’impegno per il successo formativo di tutte e di tutti in un orizzonte di uguaglianza delle opportunità”. (...)

Bene, care famiglie, a settembre, quando i vostri figli torneranno a scuola tutte le problematiche verranno al pettine, ma saranno tutti presi dalle elezioni per accorgersene e allora… speriamo che andrà tutto bene!