FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3763275
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Corriere - A scuola vorrei la piscina

Corriere - A scuola vorrei la piscina

Il 90 per cento degli alunni delle elementari definisce la propria aula "allegra" "A scuola vorrei la piscina" Indagine fra 4.000 studenti. "Non siamo abbastanza coinvolti" I bimbi delle el...

19/11/2001
Decrease text size Increase text size
Corriere della sera

Il 90 per cento degli alunni delle elementari definisce la propria aula "allegra"

"A scuola vorrei la piscina"

Indagine fra 4.000 studenti. "Non siamo abbastanza coinvolti"

I bimbi delle elementari vorrebbero le aule dipinte di verde, giardini, e soprattutto palestre, e qualcuno (il 2 per cento del totale) chiede anche il campo di calcio; i ragazzi delle medie, inferiori e superiori, dicono di aver bisogno di nuove strutture, di maggiore spazio per la ricerca, di laboratori: anche per questo molti di loro definiscono la scuola con due termini inequivocabili, "sacrificio" e "sofferenza". Il giudizio più severo è sulla lezione intesa in senso classico, "frontale": gli studenti vorrebbero partecipare di più, essere maggiormente coinvolti. L'indagine che l'Unione italiana genitori ha condotto su un campione di 3.897 alunni e studenti romani - "Come vedono e vivono la scuola bambine e bambini, ragazze e ragazzi" - sarà presentata oggi al liceo Cavour, nel convegno "Qualità della vita all'interno delle istituzioni scolastiche". Al cospetto "del sindaco Veltroni - annuncia l'Unione italiana genitori - dell'assessore alla Scuola del Comune, Maria Coscia, e a quello della Provincia, Daniele Clarke", saranno proprio bambini e ragazzi a prendere la parola, ad esporre le proprie esigenze, le proprie speranze, per chiedere, tra le altre cose, "una maggiore coinvolgimento dei ragazzi nelle lezioni e nella vita degli istituti". E altro, anche: banchi nuovi, ad esempio, "più idonei a trascorrere le ore di lezione", e poi anche computer, teatri, biblioteche. Più di qualcuno, nella scheda dei desideri, ha addirittura scritto: "Nella mia scuola vorrei una piscina". Non pochi: i genitori che hanno elaborato le risposte, hanno trovato frasi così nel 12 per cento degli iscritti nelle scuole private e nell'uno per cento dei piccoli che frequentano le strutture pubbliche. Le strutture a pagamento, in linea di massima, hanno ottenuto pagelle sostanzialmente lusinghiere. Il dato positivo per la scuola pubblica è quello complessivo. Alla domanda più diretta, "Ti piace la scuola che frequenti?", moltissimi non hanno esitato: "Sì".
I rapporti con i professori sono giudicati quasi sempre "buoni", ma - e per questo anche oggi, verbalmente, i ragazzi ribadiranno i concetti di "sacrificio" e "sofferenza" - è il tipo di lezione "frontale", sempre uguale, a non ottenere il favore degli studenti. Ma, nonostante le perplessità espresse sulla scuola, il 97 per cento ha idee chiare sul futuro: "Continuare gli studi, iscriversi all'università". Forse la ragione, oltre che alla competizione del mercato del lavoro, va ricercata nella sensazione che spesso i bambini provano nelle aule scolastiche, visto che quasi tutti i piccoli intervistati hanno usato una sola parola per descrivere la propria aula: "Allegra".


Servizi e comunicazioni

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL
Seguici su facebook