FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3946376
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Concorso dirigenti al via. Si parte il 29 maggio con la prova preselettiva

Concorso dirigenti al via. Si parte il 29 maggio con la prova preselettiva

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la data del primo test. Fra scritti, orali e tirocini ci vorrà almeno un anno perché i nuovi 2.426 presidi prendano servizio. L’8 maggio sul sito del Miur verranno pubblicati i 4000 quiz da cui saranno prelevate le 100 domande del test

28/02/2018
Decrease text size Increase text size
Corriere della sera

Attesa finita: il prossimo concorso per dirigenti scolastici (l’ultimo risale al 2011) è finalmente ai nastri di partenza. Si parte il 29 maggio con la cosiddetta prova preselettiva, prima tappa del lungo iter che si concluderà - salvo ricorsi e contestazioni come ci furono l’ultima volta - nel giro di un anno circa. Qui il testo pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

I 4000 quiz

L’8 maggio sul sito del Miur verranno pubblicati i 4000 quiz da cui saranno prelevate le domande del test affinché gli oltre 35 mila candidati possano testarli. Nella prova preselettiva ne saranno somministrate cento, estratte casualmente, a cui si dovrà rispondere in cento minuti. La prova sarà svolta al computer. I posti a disposizione con questo concorso sono 2.426, dopo la prova preselettiva resteranno circa 7.500 candidati.

Le altre prove

La prova scritta vera e propria prevede cinque domande a risposta aperta (su normativa del settore, organizzazione del lavoro, gestione del personale, programmazione, diritto civile e amministrativo...) e due domande a risposta chiusa in lingua straniera (livello B2). I candidati che otterranno il punteggio minimo di 70 punti potranno accedere all’orale che mira ad accertare la preparazione professionale degli aspiranti dirigenti anche attraverso la risoluzione di un caso pratico. Saranno testate anche le conoscenze informatiche e di lingua straniera.

Il tirocinio

Chi supererà scritto e orale sarà ammesso, sulla base di una graduatoria che tiene conto anche dei titoli, al corso di formazione dirigenziale e di tirocinio selettivo. Due i mesi di lezione in aula previsti e quattro quelli di tirocinio a scuola, che potranno essere integrati anche da sessioni di formazione a distanza.