FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3848349
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Raid a "La Sapienza": non ci si fermi alla condanna. Serve un'azione politica di contrasto

Raid a "La Sapienza": non ci si fermi alla condanna. Serve un'azione politica di contrasto

Comunicato stampa di Enrico Panini, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil.

28/05/2008
Decrease text size Increase  text size

L'aggressione di un gruppo di fascisti a giovani di sinistra che attaccavano manifesti all'Università di Roma "La Sapienza" riporta al clima di odio e di prevaricazione che, purtroppo, abbiamo già conosciuto nel passato ad opera di gruppi squadristici organizzati.

L'episodio si colloca a due giorni di distanza dall'aggressione ad extra-comunitari, sempre a Roma.

Il rischio reale è che si affermi un clima di violenza e di intolleranza che cresce proprio a valle di una campagna elettorale tutta incentrata sui temi della sicurezza e della legalità e nel momento in cui le prime iniziative del nuovo Governo irrigidiscono le politiche dell'immigrazione, introducendo il reato di immigrazione clandestina.

E' come se l'enfatizzazione delle paure dei cittadini, la loro evocazione reiterata, e la legittimazione popolare di forze politiche dal passato non limpidamente rinnegato, stessero resuscitando reazioni che non appartengono alla migliore tradizione ed alla cultura del nostro Paese, ma che ne hanno macchiato l'esperienza collettiva.

E' un momento delicato: oltre alla condanna generica della violenza, cui tutti sono sempre pronti perché dovuta e non considerata impegnativa, serve un'iniziativa politica di contrasto, che restituisca i giusti giudizi storici di condanna del fascismo e di valorizzazione dell'antifascismo, fondamento della Costituzione e della Repubblica.

Se la campagna elettorale ed i programmi dei partiti avessero avuto al centro più cultura, più scuola, università e ricerca si sarebbero poste le premesse per costruire le condizioni di un dialogo consapevole.

E’ urgente che il nuovo Governo esca dal silenzio e renda note le sue priorità sui settori della conoscenza: non servono minacce e manette per sconfiggere l'illegalità diffusa, serve più istruzione, servono più opportunità, serve più giustizia sociale in questo Paese profondamente diviso ed ingiusto.

Roma, 28 maggio 2008