FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3828601
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Per l'On. Garagnani il personale della scuola ha un difetto insopportabile: pensa!

Per l'On. Garagnani il personale della scuola ha un difetto insopportabile: pensa!

Comunicato stampa di E. Panini

18/05/2002
Decrease text size Increase  text size

Un’informazione sulle iniziative dell’on. Garagnani alle quali si riferisce il comunicato stampa che pubblichiamo è disponibile nella rassegna stampa del nostro sito internet alle notizie n° 6078 e 6077.

Comunicato stampa di E. Panini

Un autorevole parlamentare di Forza Italia, l’on. Fabio Garagnani, continua l’attacco al personale della scuola colpevole di avere idee e di pretendere di poterle esprimere.

L’on. Garagnani alcuni mesi fa insegnava ai giovani la cultura della delazione chiedendo loro di denunciare, al telefono del suo ufficio, comportamenti critici verso il governo da parte degli insegnanti.

Ora è il turno dei Dirigenti scolastici rei di pensare e, in alcuni casi, di avere pensieri critici sulla riforma proposta dal Governo.

La tranquillità e la costanza con la quale si esprimono questi attacchi, conditi di espressioni pesantissime, la dicono lunga sulla condivisione che essi trovano nei rispettivi partiti che, evidentemente, approvano questi giudizi.

Non a caso sono in aumento le interpellanze parlamentari contro il personale della scuola.

Noi siamo preoccupatissimi per tutti i lavoratori della scuola, per la loro dignità, per la loro tranquillità.

Per questo ci rivolgeremo alla magistratura denunciando il pesante clima di intimidazione in atto verso i docenti e verso i dirigenti scolastici.

All’on Garagnani, così pronto a denunciare i critici della riforma come dei mistificatori, dopo la lettura dell’editoriale dell’ultimo numero della rivista dei Gesuiti, Civiltà Cattolica, nel quale abbiamo riscontrato critiche e dubbi sulla "riforma" della scuola proposta dal Governo, consigliamo un atteggiamento più prudente!

Roma, 18 maggio 2002