FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3818331
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » La Legge Moratti non decolla.Partono le minacce di sanzioni disciplinari a chi applica la Costituzione

La Legge Moratti non decolla.Partono le minacce di sanzioni disciplinari a chi applica la Costituzione

Comunicato stampa di Enrico Panini, Segretario generale FLC CGIL

24/08/2004
Decrease text size Increase  text size

Comunicato stampa di Enrico Panini, Segretario generale FLC CGIL

La nota riservata del Ministero, con la quale si risponde all’autonomia scolastica minacciando sanzioni disciplinari a docenti e dirigenti scolastici, rappresenta un atto di inaudita gravità.

Le decisioni assunte dalle scuole, per quanto riguarda l’attuazione della Legge 53, sono decisioni professionali pienamente legittime perché le norme sull’autonomia scolastica sono in vigore.

Per quanto ci riguarda le leggi vanno applicate e la prima legge che va applicata è la Costituzione!

Peraltro, che alcune previsioni della Legge Moratti possano essere disattese dalle scuole (es.: il tutor) è un dato che emerge dalle stesse norme emanate dal Ministero.

Infine, la minaccia di sanzioni disciplinari contenuta nella nota è un fatto gravissimo.

Premesso che non esistono più le sanzioni disciplinari per i Dirigenti scolastici, la indeterminatezza dei comportamenti che dovrebbero essere censurati, per quanto riguarda i docenti, rende tutta la minaccia abbastanza paradossale.

Salvo che non si voglia sanzionare il dissenso, gli unici comportamenti individuabili sono quelli collettivi (cioè le delibere degli organi collegiali), che non possono essere sanzionati ma, eventualmente, impugnati.

Roma, 24 agosto 2004