FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3806455
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Decreto legge sul precariato: il governo si muove a spanne

Decreto legge sul precariato: il governo si muove a spanne

Il Governo continua a muoversi con un pressappochismo inaccettabile

02/04/2004
Decrease text size Increase  text size

Comunicato stampa di Enrico Panini
Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil

Sul precariato il Governo continua a muoversi con un pressappochismo inaccettabile.

Approva ora un Decreto Legge, che si era rifiutato di approvare a settembre scorso, quando ormai tutti i tempi sono ampiamente a rischio:

  • quelli per aggiornare le graduatorie permanenti;

  • quelli per fare le immissioni in ruolo con immediato diritto alla retribuzione;

  • quelli per cominciare il nuovo anno scolastico regolarmente.

Il Decreto Legge non risolve i problemi, perché eredita tutte le contraddizioni contenute nel testo del Disegno di Legge arenatosi al Senato, ed il contenzioso giuridico continuerà a lievitare alimentando incertezza e confusione funzionali a chi opera per togliere autorevolezza alla scuola pubblica.

Si confermano scelte incomprensibili ed inaccettabili, come quella di valutare il servizio militare come servizio utile a tutti gli effetti per le graduatorie, determinando gravi sconvolgimenti nelle graduatorie.

Il Decreto Legge conferma due scelte politiche che da tempo la Cgil Scuola denuncia e contro le quali siamo convinti che occorra costruire da subito un'ampia mobilitazione unitaria:

  • la precarizzazione delle condizioni e dei diritti di chi lavora nella scuola ormai rappresenta una scelta strategica. Non a caso il Governo ha stabilito un numero di immissioni in ruolo che è ridicolo rispetto all'effettiva disponibilità di posti mentre il numero dei precari ha raggiunti livelli da record;

  • facilitare l'attuazione della Legge Moratti nella parte in cui stabilisce l'assunzioni dei docenti su chiamata nominale da parte delle scuola.

Questa è la vera scelta politica del Governo.

Noi risponderemo da subito con decisione e assieme alle altre Organizzazioni.

Roma, 2 aprile 2004