FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

https://www.flcgil.it/@3914165
Home » Università » Il Capo dipartimento del MIUR interviene alla riunione del CUN: “Cambieranno le procedure per l’abilitazione scientifica nazionale”

Il Capo dipartimento del MIUR interviene alla riunione del CUN: “Cambieranno le procedure per l’abilitazione scientifica nazionale”

La sintesi dei lavori del Consiglio Universitario Nazionale del mese di luglio.

25/07/2014
Decrease text size Increase  text size

Il 23 luglio 2014 il Capo dipartimento del MIUR, Prof. Marco Mancini, ha illustrato al Consiglio Universitario Nazionale le linee di intervento che il Ministro Giannini intende perseguire per la modifica dell’abilitazione scientifica nazionale, utilizzando come veicolo legislativo la conversione in legge del DL 90/2014.

Il decreto legge dovrebbe contenere le linee generali degli interventi necessari con il rinvio ad atti regolamentari del Ministro che dovrebbero comportare anche la revisione del DPR 222/2011 e del DM 76/2012.

Le modifiche dovrebbero sostanzialmente prevedere:

  • l’abolizione del commissario OCSE nelle commissioni
  • la previsione di due bandi all’anno al fine di alleggerire la pressione e l’eccessiva numerosità delle domande della prima tornata ASN 2012
  • la garanzia di una maggiore rappresentatività dei settori scientifico disciplinari all’interno delle commissioni
  • la garanzia che l’ASN sia davvero tale e non un concorso
  • la responsabilizzazione nelle scelte di  reclutamento da parte degli atenei che saranno chiamati a rispondere delle proprie scelte con procedure di valutazione ex-post.
  • limitazione al massimo del vincolo dei parametri e revisione delle modalità di selezione degli aspiranti commissari e di nomina delle Commissioni.

Il Ministro, ha riferito il capo dipartimento, intende procedere alla revisione degli aspetti regolamentari dell’abilitazione avviando in modo contestuale il lavoro di confronto con i soggetti istituzionali coinvolti nel processo di consultazione.

L’intero processo di revisione dovrebbe concludersi entro la fine di questo anno solare in modo da assicurare l’avvio delle nuove procedure per l’inizio del prossimo 2015.

Nelle due sedute del mese di luglio sono state approvati:

  • un parere generale sulle equipollenze dei titoli di abilitazione comunitari con l’Abilitazione Scientifica Nazionale conseguita ai sensi dell’art. 16, l. 30 dicembre 2010 n. 240, ai fini dell’accesso alle procedure di chiamata dei professori universitari di prima e seconda fascia

  • una mozione sul trattamento di quiescenza dei professori e dei ricercatori

Nell’ultima seduta di giugno era inoltre stata approvata una raccomandazione sul mutuo riconoscimento dei titoli e delle posizioni accademiche nello spazio europeo della ricerca, in occasione del semestre italiano di presidenza del consiglio dell’UE

La prossima riunione è prevista per i giorni 9 e 10 settembre 2014.