FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

https://www.flcgil.it/@3965983
Home » Ricerca » INAF: prosegue serrata la contrattazione integrativa

INAF: prosegue serrata la contrattazione integrativa

Firmati gli accordi sui benefici assistenziali 2021 e predisposta l’intesa 2022. Verso il primo bando art.15 in INAF e la sottoscrizione dell’ipotesi CCNI 2018-2019.

19/09/2022
Decrease text size Increase  text size

Il 14 settembre 2022 si è tenuto l’incontro con l’Amministrazione Centrale e le organizzazioni sindacali seguendo il cronoprogramma definito nelle precedenti trattative; la discussione sui vari argomenti trattati proseguirà per addivenire alla sottoscrizione di nuove ipotesi di accordo nella prossima riunione che si terrà a breve.
Per completezza rimandiamo anche alla lettura della notizia del 5 agosto.

Provvedimenti per il personale ricercatore e tecnologo I-III livello

È stato confermato l’impegno di spesa per 2 milioni di euro per posizioni da attribuire tramite articolo 15.
Sono stati analizzate attentamente le proiezioni dei costi per suddetti passaggi poiché il bando dovrà contenere in prima battuta l’indicazione numerica delle posizioni da bandire per i vari profili e livelli contrariamente a quanto avremmo auspicato, ovvero prevedere un concorso a budget. È stato confermato chiaramente che saranno banditi articolo 15 sia per primi ricercatori e primi tecnologi sia per dirigenti di ricerca e dirigenti tecnologi.
La definizione puntuale delle posizioni da bandire sarà esplicitata a valle della prossima trattativa congiuntamente alla definizione dei criteri generali per il bando.
Le organizzazioni sindacali congiuntamente hanno evidenziato la necessità di procedere con rapidità e prevedere una modalità operativa quanto più inclusiva e rapida possibile.

Provvedimenti per il Personale Tecnico-Amministrativo
 

Contrattazione integrativa 2018, 2019 personale Tecnico Amministrativo IV-VIII

Per l’anno 2018
Confermato l’utilizzo di 60.000 euro per indennità di responsabilità. L’amministrazione ha proposto la ripartizione di tale somma tenendo conto quanto stabilito dalla Determina di riorganizzazione emessa dalla Sede Centrale e dagli Organigrammi delle Strutture di Ricerca individuando i seguenti profili:

Per le strutture di Ricerca
Responsabili Amministrativi
Responsabili degli Uffici dei Settori Amministrativi ove individuati

Per Sede Centrale
Responsabili delle Segreterie
Responsabili dei servizi di Staff
Responsabili dei settori dei due uffici dirigenziali ove individuati.
Le indennità per le suddette responsabilità non sono cumulabili

Confermata
L’uniformazione dell’indennità maneggio valori/economo cassiere per ogni struttura per un valore di 500 euro annui.
La distribuzione dell’avanzo a titolo di produttività.

La FLC CGIL ha chiesto formalmente di prevedere contestualmente le figure di responsabilità per il settore tecnico che non può rimanere escluso dal riconoscimento delle effettive responsabilità ricoperte per anni.
La FLC CGIL ha chiesto di allocare immediatamente una quota del fondo articolo 19 (in via di quantificazione) per tale fine a partire dal 2018.

Per l’anno 2019
Sarà bandita una procedura articolo 53 con requisiti all’1 gennaio 2019 che riguarderà una piccola parte di personale, sostanzialmente rivolta agli esclusi dalle procedure precedenti.
È stata presentata una prima ricognizione del personale avente diritto che determinerà i posti bandibili ai sensi delle norme attualmente vigenti.
Ribadiamo che questo sarà un primo passo di una applicazione degli articoli 53 passati che sarà completata con una seconda tornata a valere sull’anno 2021 (con requisiti all’1 gennaio 2021) che avrà numeri molto maggiori.

Fondo articolo 90 (fondo per articolo 54 passaggi di livello)

L’amministrazione aveva già consegnato alle organizzazioni sindacali la prima quantificazione del fondo articolo 90 e delle ulteriori spettanze generate dai pensionamenti intervenuti negli anni 2018, 2019, 2020 e 2021.
La quantificazione dei fondi cosi come ricostruita di fatto mette a disposizione 298.000 euro per passaggi articolo 54 a valere dall’1 gennaio 2022.
La ricognizione degli aventi diritto per definire la distribuzione tra profili e livelli di queste risorse è ancora in corso. È stata confermato in ogni caso l’impegno a emettere i bandi e possibilmente terminare le procedure entro l’anno.

Articolo 52

Finalmente a breve sarà possibile ottenere i passaggi di profilo previsti dall’articolo 52 del contratto per tutti coloro che avendone diritto ne faranno richiesta.
Modalità e tempi saranno comunicati dall’amministrazione.

Articolo 22 (passaggi di livello “verticali” per sottoinquadramento)

Entro dicembre dovranno essere bandite le procedure ai sensi dell’art 22 per progredire ai profili superiori (da cter e funzionario a ricercatore e tecnologo oltre che da operatore a cter o da collaboratore di amministrazione a funzionario.
È stata consegnata alle organizzazioni sindcali la tabella delle richieste fatte dalle direzioni delle singole strutture a valle della ricognizione fatta degli aventi diritto.
Sostanzialmente sono stati richiesti profili di tecnologo III livello da tutte le sedi tranne 2 che hanno richiesto un funzionario e uno cter.
Ricordiamo che i posti disponibili sono determinati da disciplina di legge per un massimo del 30% dei posti previsti dal precedente pta.
La FLC CGIL ha espresso perplessità sulle non chiare modalità della ricognizione nelle sedi che a nostra conoscenza è avvenuta in maniera difforme tra sede e sede e non chiara.
La FLC CGIL ha chiesto di bandire aggiuntivamente anche articolo 22 che permettano di passare al ruolo di ricercatore (sempre nel limite del 30% degli accessi dall’esterno) come è avvenuto anche negli altri EPR.
Questo permetterebbe di aggiungere ai soli 4 posti per tecnologo III anche altri 6-8 per ricercatore.

Benefici assistenziali

È stato sottoscritto definitivamente l’accordo per l’anno 2021, relativo all’erogazione dei sussidi e all’assegnazione di borse di studio ai figli del personale.
L’amministrazione ha informato le organizzazioni sindacali dell’entità dell’avanzo di risorse che come da accordo saranno rese disponibili per l’anno 2022 ad aggiungersi ai € 472.000 già previsti per l’anno 2022.
L’accordo del 2022 sarà formalizzato e sottoscritto in questi giorni ed avrà la caratteristica di validità per i successivi anni fino a modifica richiesta dalle parti.
Resta aperta la tematica dei residui storici precedenti ancora non resi disponibili.

Altre notizie da: