FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3965326
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Per i professori la riforma della scuola di Draghi è come quella di Renzi: sbagliata

Per i professori la riforma della scuola di Draghi è come quella di Renzi: sbagliata

Secondo i sindacati il governo taglia diecimila posti di lavoro nelle scuole con la scusa della denatalità. E i soldi sul contratto sono pochi. Il ministro Patrizio Bianchi nega: migliorare il testo si può ma ci sono piu di 1/7 miliardi per le sei riforme del Pnrr, interventi che chiede l'Ue

31/05/2022
Decrease text size Increase text size
 DOMANI

DANIELA PREZIOSI

ROMA - Si era mai visto uno sciopero generale della scuola che se la prende con il governo, con il presidente del Consiglio ma non con il ministro dell'Istruzione? Scena rara e curiosa, quella che si è vista ieri nella piazza Santi Apostoli di Roma gremita di professori contro il decreto legge 36 che, denunciano i sindacati, taglia oltre diecimila posti di lavoro m cinque anni conia "scusa" della denatalità — archiviando dunque per sempre i buoni propositi della pandemia, quelli di diminuire il numero degli studenti per classe — e «usa la formazione dei docenti come strumento di selezione». I sindacati, hanno esultato al successo dello sciopero, anche se alle 17 le rilevazioni della Funzione pubblica sulla metà degli istituti italiani davano a poco più del 15 per cento la quota delle adesioni. Il decreto taglia posti II decreto è firmato dal premier Mario Draghi, dai ministri e anche, naturalmente, dal ministro Patrizio Bianchi (che ieri, in segno di considerazione dello sciopero, non ha partecipato in presenza ad un'iniziativa torinese dell'associazione dei presidi). Il suo staff assicura che è il ministro l'autore del testo. Eppure neanche il più agguerrito sindacalista se la prende direttamente con lui. Il perché ci viene spiegato a più voci: «Bianchi non c'entra nulla», «è solo un passacarte». Le affermazioni vengono dimostrate così: poco prima del primo maggio, data di pubblicazione in gazzetta del decreto, il ministro ha convocato le forze politiche per illustrare la proposta; subito dopo i sindacati, ma presentando un testo un po' diverso; infine quello pubblicato è ancora diverso. Conclusione: la riforma della scuola, la prima delle sci scritte nel Pnrr, ñ farina del sacco di palazzo chigi. E questo ai sindacalisti di lungo corso ricorda un'altra riforma della scuola, la più contestata di tutte, la (cosiddetta) «buona scuola» di Matteo Renzi che nessuno ricorda con ilnome della ministra titolare, Stefania Giannini: «Oggi siamo alla "Buona scuola 2 — la vendetta". Vediamo la stessa determinazione del maggio 2015 con la legge 107. E diciamo ancora no», dice Pino Turi, segretario della Uil scuola. Attenzione: perla comunità scolastica evocare quella stagione significa lanciare il grido di battaglia. Lavalutazione II decreto 36 contiene due delle riforme della scuola richieste dal pnrr, per un totale di 17,59 miliardi, la maggior parte dei quali destinati all'edilizia: quella sul reclutamento e la creazione. Due i canali della formazione degli insegnanti: quella obbligatoria, all'interno dell'orario di lavoro, sulle competenze digitali; e quella facoltativa, da svolgersi in orario aggiuntivo, destinati ai docenti di ruolo, e al termine dei quali è possibile ricevere un incentivo. Quanto al reclutamento dei docenti, l'abilitazione all'insegnamento nella secondaria si baserà sui crediti formativi ( i "Cfu"), Nell'ambito di un percorso abilitante, l'aspirante insegnante dovrà conseguire almeno 60 crediti superare un esame finale comprendente una prova scritta e una lezione simulata, solo così il docente abilitato tía accesso al concorso. una. volta vinto, dovrà superare un anno di prova durante il quale dovrà lavorare per almeno 180 giorni. Alla fine sarà sottoposto a un teste auna valutazione da parte del dirigente scolastico, Se non lo passa potrà ripetere l'anno (e il test) una sola volta. Fino al 2024 è prevista una fase transitoria: se non hai 60 crediti, chi vince il concorso avrà un contratto part time perpoter conseguire i 30 mancanti, a spese sue. Alimentando così un mercato già fiorente di proposte. I sindacati contestano la mancanza di misure che garantiscano l'accesso all'abilitazione ai precari con tré anni di servizio, i "precari storici". Il nuovo contratto La protesta si incrocia con il rinnovo del contratto degli insegnanti. Secondo i sindacati la sovrapposizione fra formazione e incentivi è indebita. Ma soprattutto il punto è che ci sono poche risorse per un milione 200mila prof, ai quali vengono offerte 40-50 euro netti prò capite. Ieri confederali e autonomi sono tornati m piazza insieme. Non si vedeva da tempo, dalla riforma Renzi. E, in tempi più recenti, contro i concorsi della ministra Lucia Azzolina, nel secondo governo Conte. «Questo decreto istituisce un sistema di formazione selettivo che viene finanziato tagliando gli organici. Non si riconoscono i precari e illoro valore. Ci si sta approfittando della denatalità con un calcolo che permetta di risparmiare sulla scuola», secondo Francesco Sinopoli di FLC Cgil. Il decreto dovrà essere convertitc entro fine giugno. L'iter è partite dal senato. Il Pd promette modifìche sulla fase transitoria, sulle prove concorsuali a risposta multipla (i famigerati test a crocette) ñ sulla restituzione dello spazio al la contrattazione collettiva. Anche la Lega chiede di ascoltare gli insegnanti. Ma il ministro Bianchi frena gli entusiasmi; migliora rè il testo si può, anche se i tagli: «erano previsti a causa del calo de mografico». Ma in commissione ha messo le mani avanti il ministro: «L'impianto non può esseri sradicato», perché «la Commissione europea chiedeva un percorso standard per gli insegnanti del la scuola secondaria diprimo e secondo grado, per questo abbiamo fornito un percorso standard per chi vorrà fare l'insegnante».


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL