FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3966184
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Mobilità docenti, cadono i vincoli: rimangono solo per i nuovi assunti.

Mobilità docenti, cadono i vincoli: rimangono solo per i nuovi assunti.

INTERVISTA ad Alessandro Rapezzi (Flc-Cgil): l'amministrazione ora è ragionevole

24/10/2022
Decrease text size Increase text size
La Tecnica della Scuola

Si riapre la trattativa sul contratto triennale che gestisce gli spostamenti dei docenti della scuola pubblica, con la possibilità concreta di cancellare i vincoli per tutti coloro che sono stati immessi in ruolo prima dello scorso mese di settembre: a dirlo è Alessandro Rapezzi, segretario nazionale Flc-Cgil, a colloquio con ‘La Tecnica della Scuola’.

A cambiare le “carte” in tavola, spiega il sindacalista, ha contribuito la sentenza del tribunale di Roma del luglio scorso che ha condannato l’amministrazione per comportamento antisindacale: per il giudice, la firma di sottoscrizione di un solo sindacato non avrebbe permesso le espressioni della piena rappresentanza dei sindacati.

Una posizione, quella del tribunale romano, che però, è bene precisarlo, non avrà effetti sull’applicazione dello stesso contratto, che ha prodotto diverse migliaia di spostamenti, attraverso soprattutto le assegnazioni provvisorie, altrimenti (in base alla Legge 159/19) impossibili da attuare.

Ma nel frattempo, ha ricordato Rapezzi, anche la situazione normativa che regola i vincoli è cambiata: abbiamo norme che vanno dall’articolo 399 del Testo unico fino al recente decreto 36, sulla formazione iniziale e in servizio, per arrivare decreto Ucraina della scorsa primavera. Il risultato di questo combinato di norme che si sono avvicendate è che i vincoli sulla mobilità ora, a nostro avviso, valgono solo per gli assunti in ruolo dal primo settembre 2022.

Inoltre, anche per effetto della sentenza sul tema, finalmente assistiamo ad un approccio ragionevole dell’amministrazione: da alcuni giorni abbiamo avviato la trattativa, che porterà ad un confronto vero che analizzerà pezzo pezzo il contratto.

Di sicuro, conclude Rapezzi, l’errore di fondo dell’amministrazione è stato quello di pensare che la continuità didattica potesse passare per i vincoli alla mobilità dei docenti e non con la stabilizzazione dei precari.


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL