FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3803253
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Manifesto: Uds, liceali anti-Cpe: «Basta precarietà»

Manifesto: Uds, liceali anti-Cpe: «Basta precarietà»

Solidarietà da parte degli studenti italiani dell'Uds, che ieri hanno sfilato per le vie di Parigi insieme ai «colleghi» francesi contro il Cpe, il «contrat première embauche»

05/04/2006
Decrease text size Increase text size
il manifesto

Solidarietà da parte degli studenti italiani dell'Uds, che ieri hanno sfilato per le vie di Parigi insieme ai «colleghi» francesi contro il Cpe, il «contrat première embauche» ( il contratto di primo impiego prevede - lo ricordiamo - la possibilità di assumere giovani al di sotto di 26 anni, licenziandoli senza motivazione in qualsiasi momento entro i due anni dall'assunzione). Di seguito, riportiamo il testo del volantino diffuso nel corso della manifestazione: «Nonostante i tentativi di Chirac per allentare la tensione attorno al Cpe (contratto di primo impiego), sindacati e studenti sono scesi in piazza in decine di città francesi, dimostrando di aver creato un fronte compatto contro la precarietà, in particolare nelle sue forme destinate ai giovani appena entrati nel mondo del lavoro. Gli accadimenti in Francia ci ricordano come la precarietà sia oggi un tema che deve essere posto in prima pagina nelle agende politiche anche qua in Italia. Le statistiche mostrano da tempo come il lavoro precario sia in aumento e come la disoccupazione giovanile sia ancora un dramma, soprattutto per i giovani nel Meridione. Il mercato del lavoro italiano sembra accogliere con più facilità basse qualifiche professionali, respingendo, spesso, laureati e personale specializzato. Le stesse percentuali del precariato all'interno di settori come la ricerca e la docenza indicano come nemmeno la formazione, oggi, sia garanzia di sicurezze sociali e futuro lavorativo. Di fronte a ciò, a pochi giorni dalle elezioni politiche, che speriamo consentano di invertire la tendenza sui fronti del lavoro e della formazione, l'Unione degli Studenti (Uds) si impegnerà per coinvolgere le associazioni studentesche francesi Unl (liceali) e Unef (universitari) in iniziative in Italia che possano creare anche nel nostro paese un fronte esteso contro la precarietà alla ricerca di solide alternative, composto da studenti, universitari, sindacati e forze sociali. Ci auguriamo che il successo arrivi per il movimento anti-Cpe e che questo garantisca un impulso anche in Italia. Noi faremo il possibile».


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL