FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3859205
Home » Università » Referendum sul Contratto Università, si vota fino al 14 marzo

Referendum sul Contratto Università, si vota fino al 14 marzo

Il prossimo 14 marzo 2009 scade il termine entro cui i lavoratori e le lavoratrici delle Università possono esprimere il loro voto sul secondo biennio contrattuale dell'Università sottoscritto da Cisl, Uil e sindacati autonomi.

27/02/2009
Decrease text size Increase  text size

>> I perché del nostro NO all'ipotesi di accordo <<

>> Sondaggio on line sul contratto <<

Sono in pieno svolgimento in tutti gli Atenei le assemblee promosse dalla FLC Cgil per illustrare le ragioni della decisione di non firmare il Contratto sul secondo biennio economico 2008-2009 dell'Università.

Nelle stesse assemblee stiamo illustrando i contenuti dell'Accordo separato sul modello contrattuale, non sottoscritto dalla CGIL, e gli effetti negativi della Legge delega presentata dal Ministro Brunetta ed approvata definitivamente dal Senato nei giorni scorsi.

Su questi accordi chiediamo ai lavoratori ed alle lavoratrici di esprimersi con un voto certificato, che assume una particolare importanza a fronte del rifiuto di CISL e UIL di sottoporre unitariamente tali accordi al voto di tutti i lavoratori interessati.

In tutte le Università la FLC Cgil sta predisponendo le urne per consentire a tutti di poter votare e laddove possibile, verrà utilizzato anche il voto su supporto informatico, già utilizzato in occasione delle elezioni di organismi istituzionali di Ateneo, attraverso modalità che garantiscano, in automatico, sicurezza e non ripetibilità del voto.

A tal fine abbiamo predisposto specifici materiali nei quali sono illustrate le ragioni del NO al contratto.

La scadenza fissata dalla Commissione dei Garanti appositamente costituita a livello nazionale per il termine delle operazioni di voto, per quanto riguarda il referendum sul secondo biennio economico, è il 14 marzo.

Nei giorni immediatamente successivi saranno comunicati i risultati del voto referendario.

Roma, 26 febbraio 2009