FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3961075
Home » Università » Precari » Università: docenti a contratto, invisibili ma necessari. Il 26 marzo appuntamento online

Università: docenti a contratto, invisibili ma necessari. Il 26 marzo appuntamento online

L’assemblea nazionale è sostenuta dalla FLC CGIL e si terrà dalle ore 16.30.

18/03/2021
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Il 26 marzo 2021 si terrà un’assemblea nazionale, sostenuta dalla FLC CGIL, dei docenti universitari a contratto. Sarà possibile seguirla online a partire dalle ore 16.30 sulla piattaforma meet a questo link

In allegato e di seguito il testo dell’appello.

Appello per un’Assemblea nazionale delle e dei docenti a contratto

Siamo migliaia in tutta Italia. Svolgiamo docenza all’interno dell’università per la quale sono richiesti titoli e pubblicazioni. Molte/i di noi hanno maturato esperienze professionali, anche all’estero.

Svolgiamo attività didattica in corsi fondamentali, spesso frequentati da molte studentesse e molti studenti. Di fatto, le mansioni che svolgiamo sono in toto sovvrapponibili a quelle del personale docente strutturato. Il compenso che ci viene erogato per l’attività di docenza si basa però solamente sulle ore svolte in aula. Studio e preparazione delle lezioni, svolgimento delle prove di valutazione, supervisione di tesi e di attività di tirocinio non sono mansioni retribuite nella maggior parte dei casi.

Il compenso che percepiamo è del tutto inadeguato anche a riconoscere l’impegno profuso durante le ore di lezione: siamo pagati dai 25 ai 100 euro l’ora (lordo ente). Lo ha stabilito un Decreto interministeriale del 2011 e non è mai stato aggiornato. Il trattamento economico che ci viene riservato disconosce quanto affermato dall’art. 36 della Costituzione Italiana e dalle disposizioni dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro sul lavoro dignitoso.
È ora di emergere dall’invisibilità che caratterizza la nostra condizione negli atenei!
Ci troviamo in questo primo incontro per iniziare a monitorare la condizione presente negli atenei italiani. È importante che l’assemblea sia partecipata. Con noi sarà presente anche una rappresentanza di FLC CGIL. Contiamo sulla partecipazione anche di altre organizzazioni sindacali.