FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3842435
Home » Università » Le richieste di emendamento di Cgil, Cisl e Uil università al DDL della ministra Turco

Le richieste di emendamento di Cgil, Cisl e Uil università al DDL della ministra Turco

FLC Cgil, Cisl Università e Uil P.A.- U.R. chiedono di modificare le parti del DDL che riguardano le Facoltà di Medicina

14/11/2007
Decrease text size Increase  text size

Venerdì 9 novembre la Ministra Turco ha consegnato alle Confederazioni Cgil, Cisl e Uil l'ultima versione del DDL "Interventi per la qualità e la sicurezza del Servizio Sanitario Nazionale".

Il DDL interviene a vasto raggio sul sistema sanitario e comprende anche una serie di interventi sulla sanità universitaria, che consideriamo incongrui, sbagliati e gravemente lesivi dell'autonomia universitaria.

Gli aspetti più rilevanti riguardano la titolarità delle Scuole di specializzazione in Medicina, che vengono sottratte in misura consistente all'Università, il ruolo e il trattamento degli specializzandi, l'abbassamento dell'età di pensionamento dei medici universitari, la delega alla riorganizzazione degli Enti di ricerca in sanità (ISS, Ispesl, ecc.) e la modifica della composizione del governo delle aziende ospedaliero-universitarie.

FLC Cgil, Cisl e Uil Università hanno trasmesso con una lettera formale alle Confederazioni la richiesta di un intervento immediato, dettagliando le proprie richieste di modifica.

Auspichiamo una robusta correzione di rotta che conduca a cassare dal DDL le parti indicate.

Roma, 14 novembre 2007

Servizi e comunicazioni

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
I bandi in Gazzetta Ufficiale
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Iscriviti alle nostre mailing list

Partecipa al gruppo di discussione dell'AFAM, invia una email a oltrela508+subscribe@flcgil.it

Partecipa al gruppo di discussione dei Lettori e CEL, invia una email a lettori+subscribe@flcgil.it

Seguici su facebook