FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3843277
Home » Università » Gli studenti occupano Accademie e Conservatori a Roma e Napoli. La FLC scrive al Ministro Mussi

Gli studenti occupano Accademie e Conservatori a Roma e Napoli. La FLC scrive al Ministro Mussi

La situazione dell’AFAM non può più attendere

05/12/2007
Decrease text size Increase  text size

La grave situazione di Accademie e Conservatori sta spingendo gli studenti ad occupare Conservatorio ed Accademia a Roma e il Conservatorio a Napoli, mentre presumibilmente altre azioni sono in preparazione. Al centro della protesta c'è la richiesta di pieno riconoscimento e validità dei titoli di studio rilasciati ai fini legali, ma è evidente che tale questione rimette in gioco l'intero assetto della riforma, ancora incompiuta, e rispetto alla cui praticabilità ed efficacia si pongono a questo punto seri interrogativi.

La FLC ha scritto al Ministro Mussi chiedendo un incontro urgente per affrontare una situazione che richiede risposte immediate e non dilazionabili. Auspichiamo che il Ministero colga fino in fondo la delicatezza della condizione in cui opera il settore che, lo ricordiamo, anche nella Legge Finanziaria in discussione non trova alcuna risposta alle sue indifferibili esigenze.

Roma, 5 dicembre 2007

___________________

Roma, 5 dicembre 2007

On. Fabio Mussi
Ministro della Università
e della Ricerca Scientifica

Signor Ministro,

le Accademie e i Conservatori soffrono di una condizione di non agibilità della riforma (L. 508/99) che sta rendendo sempre più difficile e impervia l'ordinaria amministrazione, e manifesta serie ipoteche sulla possibilità di darle un'attuazione praticabile e coerente con i fini istituzionali e con i propositi del legislatore.

In queste ore assistiamo a Roma e a Napoli all'occupazione delle Istituzioni da parte degli studenti; occupazione peraltro motivata da preoccupazioni più che reali e legittime sulla spendibilità e valore del titolo di studio acquisito.Non è da escludersi che l'agitazione si estenda all'insieme delle Istituzioni AFAM.

Siamo a chiederLe un incontro urgente, al fine di esaminare con Lei lo stato dell'arte, darLe conto delle nostre preoccupazioni e opinioni, e assumere le determinazioni e gli orientamenti che si stanno dimostrando non ulteriormente rinviabili, neppure per tempi brevi.

Sperando in una Sua rapida convocazione, La prego di gradire i migliori saluti.

Enrico Panini