FLC CGIL
Sciopero scuola e sciopero generale

http://www.flcgil.it/@3910363
Home » Università » Effetti delle valutazioni ANVUR sull’assegnazione delle risorse per la premialità agli atenei

Effetti delle valutazioni ANVUR sull’assegnazione delle risorse per la premialità agli atenei

In una scheda l'elaborazione condotta partendo dai risultati del rapporto finale dell'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca.

13/03/2014
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Con Decreto Ministeriale n. 1051 del 20 dicembre 2013 sono state assegnate agli atenei le risorse della quota premiale istituita dalla legge n. 1 del 9 gennaio 2009 e le risorse dell’intervento perequativo del FFO previsto dalla legge n. 240 del 30 dicembre 2010.

Ancorché gli importi complessivi assegnati sono pari a quelli dello scorso anno (910 Ml€), le risorse effettivamente destinate alla premialità risultano essere pari a 819 Ml€ quindi inferiori del 10% rispetto al 2012. La differenza tra i due valori, pari a 91 Ml€, è stata utilizzata per fini perequativi tra gli atenei.

La ripartizione della quota premiale del 2013 è stata fortemente influenzata dagli esiti della valutazione ANVUR sulla ricerca i cui dati sono stati pubblicati nel Rapporto finale del 22 luglio 2013 in quanto il MIUR ha deciso di attribuire la quota premiale per la ricerca, utilizzando i risultati ANVUR nella misura del 90% e il restante 10% per il reclutamento.

Partendo dai risultati del rapporto finale ANVUR sono stati esaminati gli effetti prodotti sull’assegnazione della quota premiale agli atenei per ciascuno dei tre interventi previsti dalla legge: “qualità della domanda formativa”, “risultati dei processi formativi”, “qualità della ricerca”.

I grafici costruiti sulla base delle risorse assegnate a ciascun ateneo, confrontate con quelle ricevute nel 2012, evidenziano per ciascun obiettivo le performances conseguite rispetto al 2012.

È da rilevare che mentre i primi due grafici mostrano sulla base della quota premiale ricevuta il miglioramento/peggioramento delle performances rispetto al 2012, il grafico sulla premialità e quello complessivo risentono significativamente dell’uso dei risultati del Rapporto ANVUR, ancorché utilizzati nella misura del 90%.

L’analisi complessiva delle assegnazioni della quota premiale 2013 consente alla FLC CGIL di confermare la propria valutazione negativa sull’impianto di ripartizione adottato dal MIUR basato su criteri e ponderazioni che cambiano ogni anno.

Peraltro la presunzione di voler realizzare la premialità a “costo zero”, crea negli atenei ulteriori disagi e difficoltà. Infatti, le risorse per la quota premiale, sottratte al Fondo di Funzionamento Ordinario (FFO), falcidiato dalle continue decurtazioni stabilite dalle leggi di stabilità e, colpevolmente assegnato sempre a fine esercizio finanziario, rendono instabile il sistema e non consentono agli atenei di adottare una seria programmazione finanziaria.            

Riteniamo che una seria premialità debba basarsi su criteri e ponderazioni stabili negli anni e soprattutto su risorse aggiuntive, quindi diverse dal FFO, che servano da stimolo agli atenei per migliorare le proprie performances, a prescindere da quanto loro dovuto come FFO.

Servizi e comunicazioni

Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
I bandi in Gazzetta Ufficiale
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Lettori e CEL: iscriviti alla mailing list

Partecipa al gruppo di discussione dei Lettori e CEL, invia una email a lettori+subscribe@flcgil.it

Seguici su facebook