FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

http://www.flcgil.it/@3824615
Home » Università » DPCM "Aumenti per assegni fissi, indennità e stipendi delle categorie di personale non contrattualizzato"

DPCM "Aumenti per assegni fissi, indennità e stipendi delle categorie di personale non contrattualizzato"

Il presidente del consiglio dei ministri sulla proposta dei Ministri per la funzione pubblica e del tesoro, del bilancio e della programmazione economica decreta

27/06/2000
Decrease text size Increase  text size

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l'art. 24, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, secondo il quale la retribuzione delle categorie di personale non contrattualizzato ivi indicate è adeguata di diritto annualmente in ragione degli incrementi medi, calcolati dall'Istituto nazionale di statistica, conseguiti nell'anno precedente dalle categorie di pubblici dipendenti contrattualizzati sulle voci retributive, ivi compresa l'indennità integrativa speciale, utilizzate dal medesimo Istituto per l'elaborazione degli indici delle retribuzioni contrattuali;

Visto l'art. 24, comma 2, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, secondo il quale la percentuale dell'adeguamento annuale è determinata entro il 30 aprile di ciascun anno con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta dei Ministri per la funzione pubblica e del tesoro, del bilancio e della programmazione economica;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 aprile 1999, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 153 del 2 luglio 1999, con il quale è stata determinata la misura dell'adeguamento del trattamento economico dal 1o gennaio 1999;

Visto l'art. 19, comma 4 della legge 28 luglio 1999, n. 266, il quale stabilisce che con il provvedimento di cui all'art. 2, comma 5, della legge 6 marzo 1992, n. 216, si provvede all'attribuzione al personale dirigente delle Forze armate e figure corrispondenti dei Corpi di polizia, degli emolumenti loro spettanti nell'ambito delle risorse previste dalla legge finanziaria per il triennio 2000-2002, previa definizione da parte del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica di concerto con il Dipartimento della funzione pubblica, sentite le amministrazioni interessate - allo stato non ancora intervenuta - dei criteri, dell'ammontare e delle decorrenze degli emolumenti determinati ai sensi dei commi 1, 2 e 3 del citato art. 19;

Considerato che il richiamato provvedimento di cui all'art. 2, comma 5, della legge n. 216/1992, è da ritenere ormai sostituito da quello previsto dall'art. 24, comma 2, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, e ritenuta la necessità di determinare la misura dell'adeguamento retributivo delle categorie di personale interessate ivi compreso il personale dirigente delle Forze armate e figure corrispondenti dei Corpi di polizia, fermo restando che con successivo decreto saranno attribuiti a quest'ultimo personale gli ulteriori emolumenti previsti dalla citata legge n. 266/1999;

Vista la nota dell'Istituto nazionale di statistica in data 30 marzo 2000, n. SP/501.00, con la quale si comunica che la variazione media degli incrementi retributivi realizzati nel 1999 rispetto al 1998 è risultata pari a 2,08 per cento;

Sulla proposta dei Ministri per la funzione pubblica e del tesoro, del bilancio e della programmazione economica;

Decreta:

Gli stipendi, l'indennità integrativa speciale e gli assegni fissi e continuativi dei docenti e dei ricercatori universitari, del personale dirigente della Polizia di Stato e gradi di qualifiche corrispondenti, dei Corpi di polizia civili e militari, dei colonnelli e generali delle Forze armate, del personale dirigente della carriera prefettizia nonchè del personale della carriera diplomatica in godimento alla data del 1o gennaio 1999 sono aumentati, da decorrere dal 1o gennaio 2000, in misura percentuale pari a 2,08 per cento. Il relativo onere, che costituisce spesa avente natura obbligatoria, resta a carico dei pertinenti capitoli di bilancio delle amministrazioni interessate.

Il presente decreto è trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 27 giugno 2000

p. Il Presidente del Consiglio dei Ministri Bassanini
p. Il Ministro del tesoro, bilancio e della programmazione economica Solaroli

Registrato alla Corte dei conti il 7 agosto 2000
Registro n. 3, Presidenza, foglio n. 147