FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3954260
Home » Università » AFAM » Docenti » AFAM: i sindacati unitariamente chiedono nomine immediate dei docenti delle graduatorie nazionali o sarà mobilitazione

AFAM: i sindacati unitariamente chiedono nomine immediate dei docenti delle graduatorie nazionali o sarà mobilitazione

Nonostante le continue sollecitazioni ancora nessun segnale positivo.

22/01/2020
Decrease text size Increase  text size

La vicenda dei ritardi, ormai ingiustificabili, nella individuazione e nella stipula dei contratti a tempo indeterminato e determinato dei docenti inseriti nelle graduatorie nazionali ad esaurimento del settore AFAM, non si è ancora sbloccata a tre mesi dall’avvio dell’anno accademico.

La situazione non è più sostenibile soprattutto per quei docenti che sono senza stipendio. Ciò sta favorendo l’attivazione di un ampio contenzioso che trova terreno fertile nella disperazione di chi non sta lavorando.

Per questo motivo, le organizzazioni sindacali firmatarie del CCNL “Istruzione e Ricerca”, hanno scritto unitariamente al Ministro Manfredi preannunciando, nel caso di ulteriore inerzia, azioni di mobilitazione a sostegno delle legittime rivendicazioni dei lavoratori interessati.

___________

Loghi unitari

Roma, 22 gennaio 2020

Prof. Gaetano Manfredi
Ministro dell’Università̀ e Ricerca

Oggetto: AFAM ritardi nella individuazione e nella stipula dei contratti a tempo indeterminato e determinato dei docenti inseriti nelle graduatorie nazionali

Egregio Signor Ministro,

consapevoli che sono trascorse due sole settimane dalla Sua nomina ed in attesa del completamento dell’iter legislativo ed amministrativo necessario all’istituzione del neo Ministero e della sua riorganizzazione politico-amministrativa, poniamo alla Sua attenzione la necessità sbloccare urgentemente la situazione di stallo che riguarda l’individuazione e la stipula dei contratti a tempo indeterminato e determinato dei docenti inseriti nella graduatorie nazionali ad esaurimento (i posti liberi sono oltre 1.400).

Come le sarà sicuramente noto, in applicazione delle disposizioni legislative vigenti, è stata prevista la stabilizzazione di 386 unità di personale docente. Ad oggi, nonostante che il provvedimento (DPR 9 dicembre 2019) abbia concluso il suo iter e sia stato pubblicato anche in Gazzetta Ufficiale, gli interessati non hanno ricevuto alcun provvedimento di nomina in quanto, nella difficoltosa fase transitoria politica ed organizzativa del MIUR, sembrerebbe che non sia stato possibile individuare il dirigente preposto all’adozione di tale provvedimento. Una problematica analoga riguarda inoltre le circa 1.110 unità di personale docente a tempo determinato, per il quale si segnala un’ulteriore difficoltà. La vicenda sta creando una situazione di gravissima incertezza e forti fibrillazioni nelle Istituzioni, proprio nel corso dello svolgimento delle attività̀ didattico-accademiche. Al riguardo onde evitare problemi con le Ragionerie Territoriali dello Stato sarebbe necessario un intervento del Ragioniere Generale dello Stato al fine di superare l’emergenza dei ritardi.

Particolarmente grave è la vicenda di quei docenti che sono attualmente senza stipendio da quasi tre mesi e che sta favorendo l’attivazione di un ampio contenzioso che trova terreno fertile nella disperazione di chi non sta lavorando.

La situazione non è più sostenibile e, in caso di ulteriore inerzia, metteremo in campo azioni di mobilitazione a sostegno delle legittime rivendicazioni dei lavoratori interessati.

Certi nel Suo immediato interessamento, Le porgiamo i nostri migliori saluti.

FLC CGIL
Francesco Sinopoli
CISL FSUR
Francesco De Simone Sorrentino
UIL Scuola RUA
Antonio Foccillo
SNALS Confsal
Demetrio Colaci
GILDA Unams
Dora Liguori