FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3960275
Home » Università » AFAM » AFAM: ripartite le risorse destinate agli ex istituti musicali pareggiati per il 2020

AFAM: ripartite le risorse destinate agli ex istituti musicali pareggiati per il 2020

Si tratta delle risorse non destinate alla statizzazione. La FLC CGIL: accelerare i processi di statizzazione

22/01/2021
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Con Decreto Ministeriale 863 del 23 novembre 2020, ma pubblicato il 21 gennaio 2021, il Ministero dell’Università e della Ricerca ha definito i criteri di ripartizione delle risorse per l’anno 2020 destinate agli Istituti Superiori di studi musicali non statali (ex istituti musicali pareggiati).

La somma ripartita è pari a € 4.210.000,00 ed è appostata sul capitolo 1781 del bilancio del MIUR. È bene precisare che lo stanziamento non riguarda i processi di statizzazioni per i quali sono destinati a decorrere dal 2020 € 55.000.000,00.

I criteri di ripartizione delle risorse del capitolo 1781, sono i seguenti

  • € 3.060.000,00 sono ripartiti attribuendo a ciascun Istituto, con esclusione dell’Istituto musicale pareggiato della Valle d’Aosta - Conservatoire de la Vallée d’Aoste una quota proporzionale all’assegnazione disposta nell’anno 2019 ai sensi del Decreto Ministeriale 4 aprile 2019, n. 307
  • € 400.000 sono assegnati all’Istituto musicale pareggiato della Valle d’Aosta - Conservatoire de la Vallée d’Aoste;
  • € 750.000 sono assegnati per far fronte alle straordinarie esigenze connesse allo stato di emergenza determinato dalla pandemia in corso (DL 18/20 art. 100 comma 1)

Da segnalare che il Decreto Ministeriale segnala come l’Istituto musicale pareggiato della Valle d’Aosta - Conservatoire de la Vallée d’Aoste non ha presentato l’istanza di statizzazione e non è pertanto destinatario delle relative risorse. Si tratta di una decisione che la FLC CGIL considera profondamente sbagliata

Allegata al Decreto vi è la ripartizione delle risorse per ciascun istituto, ad eccezione di quelle destinate per le esigenze legate allo stato di emergenza. Come è noto, i criteri di ripartizione di queste ultime risorse, pari a € 750.000,00, sono stati definiti dal DM 294/20.

In particolare

A) l’importo € 300.000,00 è finalizzato a realizzare misure straordinarie di sicurezza delle proprie sedi, rispetto all’emergenza sanitaria in atto, quali

  • la sanificazione dei locali
  • l’implementazione delle disposizioni di distanziamento
  • la dotazione di adeguati dispositivi di protezione individuale
  • i costi di formazione per la sicurezza

I criteri di assegnazioni sono i seguenti

  • ad ogni Istituzione è attribuita una quota fissa di €15.000
  • il restante importo è attribuito a ciascuna Istituzione in proporzione al numero degli studenti iscritti. Agli studenti iscritti ai corsi di livello pre-accademico è attribuito peso pari a 0,3.

B) L’importo di € 450.000,00 è finalizzato a realizzare

  • iniziative a sostegno degli studenti, attraverso l’acquisto da parte delle Istituzioni di appartenenza di dispositivi digitali e di quanto necessario per consentire l’accesso da remoto alle banche dati e l’accesso alle risorse bibliografiche, da destinare agli studenti. Le Istituzioni individuano inoltre le modalità più idonee per consentire agli studenti beneficiari l’accesso ai servizi tramite l’identità digitale SPID, al fine di favorirne la diffusione
  • misure di pianificazione delle attività delle Istituzioni, attraverso l’acquisto di dispositivi digitali e di quanto necessario per l’accesso alle piattaforme digitali, finalizzati alla ricerca e alla didattica a distanza

I criteri di assegnazioni sono i seguenti

  • il 40% alle iniziative a sostegno degli studenti
  • il 60% alle misure di pianificazione delle attività delle Istituzioni

Ad ogni Istituzione

  • è attribuita una quota fissa di €10.000
  • il restante importo è attribuito a ciascuna Istituzione in proporzione al numero degli studenti iscritti. Agli studenti iscritti ai corsi di livello pre-accademico è attribuito peso pari a 0,3.

La FLC CGIL sollecita il MUR a mettere in campo tutte le azioni necessarie per accelerare l’adozione dei provvedimenti e delle procedure indispensabili per la realizzazione nei tempi previsti delle statizzazioni.