FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3878030
Home » Università » AFAM » AFAM: autorizzate dal MEF le nomine in ruolo a.a. 2010/2011

AFAM: autorizzate dal MEF le nomine in ruolo a.a. 2010/2011

Un avviso del MIUR invita gli interessati a raggiungere le sedi loro assegnate entro il 20 dicembre.

21/12/2010
Decrease text size Increase  text size

Con nota prot. n.6606 del 28 ottobre 2010, il Ministero ha dato indicazioni operative per l’acquisizione delle preferenze da parte dei docenti inclusi nelle graduatorie GET e GNE in attesa di contratto a tempo indeterminato. Con il solito ritardo, il MEF ha dato l’autorizzazione e in data 16 dicembre, con avviso tramite il sito http://afam.miur.it, gli interessati sono stati invitati a raggiungere le sedi loro assegnate entro il 20 dicembre.

E’ un rito che si ripete ogni anno e sempre con le stesse problematiche: nonostante si conoscano per tempo le unità da stabilizzare, i tempi della burocrazia praticata dal MEF sono inversamente proporzionali ai parametri di efficacia ed efficienza da più parti invocata a parole e nella pratica, invece, disattesa.

Si tratta di graduatorie ormai “datate” che ogni anno si svuotano e provocano la determinazione di nuovi precari. Infatti, anche quest’anno a fronte di 68 nuovi posti disponibili e vacanti tra accademie e conservatori di musica, si possono nominare solo 42 docenti. Ai circa 600 precari attualmente in servizio e senza possibilità di stabilizzazione, si vanno ad aggiungere altri precari!

A questo punto, i posti saranno coperti o da docenti inseriti nelle graduatorie nazionali ex L.143 oppure, in subordine, da coloro che sono inseriti nelle graduatorie di istituto.

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Verso il rinnovo del contratto
Verso il rinnovo del contratto
I bandi in Gazzetta Ufficiale
Iscriviti alle nostre mailing list

Partecipa al gruppo di discussione dell'AFAM, invia una email a oltrela508+subscribe@flcgil.it

Partecipa al gruppo di discussione dei Lettori e CEL, invia una email a lettori+subscribe@flcgil.it

Seguici su facebook