FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti
http://www.flcgil.it/@3930911
Home » Università » 50.000 firme per il diritto allo studio universitario!

50.000 firme per il diritto allo studio universitario!

Con la campagna "ALL IN" parte il percorso per una legge di iniziativa popolare.

31/03/2016
Decrease text size Increase  text size

Una Legge di Iniziativa Popolare sul Diritto allo Studio: è questo l'ambizioso progetto di moltissime realtà impegnate per la difesa dei diritti sociali che hanno individuato nell' accesso alla formazione il nodo centrale per la costruzione di una società con meno disuguaglianze.

Da anni assistiamo allo smantellamento del nostro sistema di diritto allo studio universitario. A causa dei continui tagli e dell' aumento della contribuzione studentesca gli atenei italiani sono divenuti dei luoghi elitari, come testimonia il drastico calo delle immatricolazioni. Parlare oggi di diritto allo studio significa trattare il problema della disuguaglianza sociale ed educativa presente in questo Paese. Proporre una legge di Iniziativa Popolare su questo tema significa raccogliere la sfida di far divenire tale problematica oggetto di una battaglia generale, per costruire un nuovo modello di sviluppo basato sulla giustizia sociale e l’uguaglianza sostanziale.

La campagna con cui il comitato promuoverà la raccolta delle firme si chiamerà ALL-IN: “tutti dentro”, perché la sfida è quella di rendere gli atenei realmente accessibili attraverso l’estensione universale del diritto allo studio.

Si stanno costituendo comitati da nord a sud del Paese, tanto nelle grandi città quanto nei piccoli centri, per rendere questo percorso realmente attraversabile ed aperto. Per questo si è creata una pagina facebook e presto sarà online un sito per illustrare la proposta, raccogliere osservazioni e mettersi in contatto con chi vuole impegnarsi.

Vai alla pagina Facebook All In

La  raccolta di firme partirà il 9 e 10 aprile e si inserisce all' interno della stagione referendaria che segna una occasione importante ed irripetibile per restituire la politica alla società civile sui temi dell’istruzione e del lavoro (Carta dei Diritti Universali del Lavoro e Referendum sulla Buona Scuola).

Una sfida ambiziosa che vale la pena di combattere.