FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3901335
Home » Scuola » TFA speciali (PAS): la beffa della prova "non selettiva"

TFA speciali (PAS): la beffa della prova "non selettiva"

Una prova spacciata per allineamento in ingresso che invece incide sulla possibilità di abilitarsi e sul relativo voto. Il Decreto presenta profili di illegittimità.

27/03/2013
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Come avevamo anticipato, il Ministro ha deciso di introdurre nel decreto organizzativo dei TFA speciali, una prova preliminare, definita "non selettiva" e che avrebbe dovuto semplicemente regolamentare i tempi di accesso alla procedura, come stabilito dal regolamento.

Invece nel testo firmato dal Ministro la prova, valutata oltretutto in maniera molto restrittiva, entra a far parte del punteggio finale di abilitazione incidendo per ben il 35%.

Il Decreto organizzativo, va ben oltre quanto previsto dal regolamento, modificando surrettiziamente la tabella 11-bis. Si tratta di un eccesso di delega sul quale stiamo verificando una eventuale impugnativa.

La prova preliminare consiste in 70 quesiti a risposta multipla (30 di logica, 30 di comprensione del testo e 10 di lingua straniera [inglese per la primaria]).

La valutazione della prova è estremamente restrittiva: fino a 42 risposte esatte il punteggio è 0 (zero), alle risposte esatte oltre le 42 si assegna 1,25 punti, le risposte errate prevedono una penalizzazione di -0,5. Il punteggio massimo è di 35 punti.

Sulla base del punteggio ottenuto si effettuerà la ripartizione tra i contingenti del 2013/14 e 2014/15 dei corsi, quando sarebbe stato più semplice e veloce utilizzare l'anzianità di servizio.

In effetti l'obiettivo non è solo la regolamentazione degli accessi, ma una pesante ipoteca sul voto finale e perfino sulla possibilità di abilitarsi.

Nella modifica alla tabella 11-bis, che come abbiamo detto si configura come illegittima, il punteggio della prova preliminare incide per ben 35 dei 100 punti complessivi previsti.

Ancora una volta, prevale il pregiudizio nei confronti dei precari, come se le scuole in questi anni avessero fatto lavorare degli incompetenti che casualmente si sono trovati ad insegnare e che quindi, malgrado il Parlamento abbia espresso pareri concordi sull'opportunità di garantirne l'abilitazione, vadano comunque ostacolati.

Se il Ministro, invece degli annunci di improbabili futuri concorsi, si fosse preoccupato di accelerare l'iter di questo provvedimento, attivandolo contestualmente ai primi TFA ordinari, probabilmente non saremmo in questa situazione che determinerà nuove lotte fratricide e notevole contenzioso.

C'è anche da sottolineare che l'indicazione degli anni accademici 2013/14 e 2014/15 per i TFA speciali è in aperto contrasto con la scelta di non valutare l'anno scolastico 2012/13 che era stata motivata proprio dall'attivazione a partire dal corrente anno accademico.

Questa scelta inciderà anche sull'attivazione dei TFA ordinari che a questo punto probabilmente salteranno un anno e saranno riattivati solo nel 2013/14.

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook