FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3906195
Home » Scuola » Scuole italiane all'estero » MOF e funzioni strumentali al via. A breve il Messaggio del MAE alle sedi

MOF e funzioni strumentali al via. A breve il Messaggio del MAE alle sedi

I sindacati bocciano la proposta del Ministero di tagliare del 10% le risorse definite dall'art. 104 del CCNL. Per il resto si naviga a vista.

18/10/2013
Decrease text size Increase  text size

Nei prossimi giorni il Ministero degli Affari Esteri invierà a tutte le sedi il Messaggio sui progetti di miglioramento dell'offerta formativa e funzioni strumentali per l'anno scolastico 2013/2014. Questo è quanto definito nell'incontro sindacale del 17 ottobre, dove abbiamo dovuto registrare ancora una volta l'assenza del MIUR.

Il Messaggio, che comunque fa riferimento ai criteri definiti l'anno passato con uno specifico accordo, presenta due novità:

  1. viene estesa a tutte le scuole la possibilità di attivare progetti rivolti all'integrazione degli alunni diversamente abili nell'orario scolastico degli studenti (in orario aggiuntivo per i docenti);
  2. si suggerisce di avviare progetti, nelle scuole secondarie di secondo grado, rivolti all'orientamento universitario degli studenti, in collaborazione con il territorio e le istituzioni culturali italiane (Istituti di Cultura, biblioteche, ecc...).

La FLC CGIL e le altre organizzazioni sindacali hanno manifestato la loro più totale contrarietà alla richiesta dell'Amministrazione, su presunta indicazione del Ministero dell'Economia e delle Finanza, di ridurre del 10% circa le risorse contrattualmente stabilite nell'articolo 104 del CCNL. Per i sindacati la richiesta è irricevibile perché si interviene su di una materia pattizia definita dalla contrattazione collettiva nazionale su cui la contrattazione decentrata di secondo livello non ha né potestà decisionale né titolarità contrattuale. Si tratta semplicemente di un goffo tentativo di ingerenza.  

Nel corso della riunione, inoltre, sono state affrontate altre questioni su cui ancora un volta le organizzazioni sindacali hanno dovuto registrare la consueta vaghezza da parte del MAE.

Scuole Europee: sono state avviate le procedure di nomine nonostante che non siano ancora state pubblicate le graduatorie definitive rettificate in autotutela dall'Amministrazione per la presenza di meri errori materiali.

Graduatorie definitive SCC e lettorati: non è dato sapere quando saranno pubblicate (forse entro novembre!). La motivazione del ritardo è imputabile - a dire del MAE - alla gran mole di reclami presentati. Ci si dimentica che la vera ragione è invece attribuibile ai ritardi storici della stessa Amministrazione già ampiamente segnalati nella gestione dei processi di formulazione e riformulazione delle graduatorie permanenti. Se i ritardi dovessero ancora permanere c'è il fondato rischio che il comma 1) dell'art. 9 del DL 101/13 non potrebbe essere operativo per quest'anno scolastico per la copertura di posti di docenti e Ata

Dottorato di ricerca: è rimasta inascoltata la nostra reiterata richiesta di pieno riconoscimento del servizio per gli anni svolti in dottorato di ricerca dal personale docente con mantenimento della retribuzione da parte dell'Amministrazione di appartenenza già considerato dal Miur e dallo stesso MAE come servizio effettivo perché svolto in costanza di retribuzione e contribuzione; in maniera a dir poco ingiustificata questa Amministrazione riesce anche a smentire se stessa.

IMI di Istanbul: il MAE ancora non chiarisce in via ufficiale se gli insegnamenti svolti nelle classi preparatorie debbano essere attribuiti alle classi di concorso della media di primo grado o di secondo grado. Questa indecisione sta producendo una serie di criticità soprattutto nelle nomine dei supplenti.

Scuola italiana di Asmara: rispetto alla copertura dei posti vacanti e all'urgenza di intervenire ad oggi il MAE non ha ancora predisposto un piano di intervento specifico capace di affrontare seriamente questa emergenza.

La FLC CGIL e gli altri sindacati hanno, infine, chiesto esplicitamente di prevedere una sessione specifica per affrontare con l'Amministrazione le quantità e i criteri per dare seguito a quanto disposto dal DL 101/13 (art. 9 comma 1) una volta convertito in legge, la qual cosa dovrebbe avvenire entro la fine di ottobre.

Anche su questo argomento c'è da registrare un atteggiamento a dir poco aleatorio da parte dell'Amministrazione. Ricordiamo che ai sensi e per gli effetti di quanto stabilito dal CCNL e dalla legge tale materia, che attiene appunto il contingente, deve essere oggetto di concertazione.

È indubbio che ancora una volta le organizzazioni sindacali si sono trovate di fronte ad un'Amministrazione - il MAE, del MIUR non possiamo dire niente vista la permanente latitanza - che persevera in una atteggiamento tentennante della sua politica scolastica che nasconde l'incapacità di dare soluzioni condivise e corrette alla molteplici criticità presenti nella gestione del sistema senza preoccuparsi minimamente delle scuole italiane all'estero, dei lavoratori della scuola sia in Italia che all'estero, dei ragazzi e della stessa immagine dell'Amministrazione italiana all'estero.

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook