FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3938307
Home » Scuola » Scuole italiane all'estero » Delega scuole italiane all’estero: resi noti i pareri delle commissioni III e VII di Camera e Senato

Delega scuole italiane all’estero: resi noti i pareri delle commissioni III e VII di Camera e Senato

Le commissioni chiedono di cancellare l’art. 36 delle delega. Per la FLC non basta, la delega va modificata in profondità.

17/03/2017
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Sono stati resi noti i pareri delle Commissioni III e VII della Camera e del Senato sui contenuti del decreto 383 di riforma del sistema scolastico italiano all'estero.

I pareri delle Commissioni, pur introducendo parziali modifiche (solo nel parere della Camera) nella parte vincolante, non apportano novità sostanziali nell'ossatura profonda della delega.

La richiesta di cancellare l'art. 36, quello che pretende di scavalcare per via legislativa il CCNL, non è ancora garanzia del fatto che la riscrittura della delega ricondurrà nell’alveo contrattuale tutto ciò che attiene al rapporto di lavoro di docenti, dirigenti e ATA in servizio presso le scuole italiane all’estero.

Il decreto pretende di modificare per legge aspetti fondamentali del contratto di lavoro del personale scolastico all'estero (reclutamento, retribuzione, valutazione del servizio, restituzione ai ruoli metropolitani, durata del mandato, mobilità, orario di lavoro e altro) e dell'organizzazione del sistema scolastico all'estero (governance, autonomia, diritti sindacali, contratti locali, ruolo degli enti gestori e altro), metodo che contraddice l'Intesa Governo/Sindacati del 30 novembre sul rinnovo dei contratti pubblici.

Non si prevede nemmeno un anno di regime transitorio che permetta di armonizzare l'entrata in vigore del diversi articoli del decreto, che avverrà in modo disorganico e spezzettato (alcune norme subito, altre dopo 3 mesi, il 1 settembre 2017, il 1 settembre 2018).

Per la FLC CGIL la delega rappresenta un incomprensibile e inaccettabile ritorno al passato, disegna un sistema pieno di contraddizioni, lungi da valorizzare questa importante specificità del nostro sistema di istruzione pubblico.

Sarebbe profondamente sbagliato continuare a puntare, nella riscrittura del decreto, alla privatizzazione del sistema e alle assunzioni per chiamata diretta del personale sia a tempo indeterminato che determinato.

L'approvazione del decreto senza profonde e radicali modifiche rispetto al testo originario, secondo la FLC CGIL, rischia di compromettere il patrimonio culturale e professionale delle nostre scuole e istituzioni scolastiche italiane all'estero, peggiorando la qualità del servizio, mortificando la professionalità del personale e minando la tenuta dell'intero sistema.

Ci auguriamo che il Miur tenga conto delle richieste fatte dal sindacato, superando le pesanti criticità e contraddizioni  contenute nella delega con modifiche profonde e radicali in sede di approvazione definitiva della delega.

Vai alla scheda di lettura

Servizi e comunicazioni

Verso il rinnovo del contratto
Verso il rinnovo del contratto
1967-2017: 50 anni CGIL scuola
1967-2017: 50 anni CGIL scuola
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2017/2018
Cantiere scuola FLC CGIL: le nostre proposte
Linee guida contrattazione
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook