FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3904267
Home » Scuola » Precari » Pagamento ferie supplenti: le scuole in attesa delle istruzioni ministeriali

Pagamento ferie supplenti: le scuole in attesa delle istruzioni ministeriali

MIUR e MEF continuano a non emanare la circolare sul pagamento delle ferie dei supplente al 30 giugno. Per la FLC CGIL è bene aspettare le istruzioni ministeriali. Il 31 luglio non è un termine perentorio.

31/07/2013
Decrease text size Increase  text size

Ritorniamo sull'argomento della monetizzazione delle ferie al personale nominato fino al 30 giugno, dal momento che il Miur, a distanza di quasi un mese dall'ultimo incontro con i sindacati, non ha ancora emanato la circolare applicativa come invece si era impegnato a fare. Contro l'indecoroso balletto di responsabilità tra i centri ministeriali (MIUR e MEF)  e gli interventi unilaterali di alcune Ragionerie Territoriali dello Stato (RTS) è opportuno un atto di ribellione da parte delle scuole: inserire i dati al sistema solo quando ci saranno indicazioni chiare e precise al riguardo. A questo proposito chiariamo che non ci sono termini perentori così stringenti come tentano di far credere alcune RTS. Infatti  per pagare un sacrosanto diritto dei lavoratori valgono i normali  tempi di prescrizione (5 anni) previsti dal codice civile.

Lo dimostra il fatto che ieri 30 luglio 2013, la Ragioneria Territoriale dello Stato (RTS) di Firenze e Prato ha comunicato alle scuole che l’invio dei decreti e dei tabulati relativi al pagamento delle ferie non godute dai supplenti al 30 giugno può non rispettare il termine del 31 luglio che viene definito “ordinatorio e non perentorio”.

La nota precisa che “i competenti Uffici centrali” non hanno ancora fornito “i chiarimenti necessari al pagamento delle somme in questione”. È quindi opportuno che le scuole attendano indicazioni chiare.

Nelle scorse settimane siamo intervenuti presso il MIUR per far cessare gli interventi unilaterali di alcune RTS e perché alle scuole venissero date le indicazioni necessarie a pagare le ferie non godute.

Il MIUR ribadisce quotidianamente il suo impegno a  chiarire i problemi di interpretazione sulla decorrenza delle norme introdotte dalla spending review e dalla legge di stabilità 2013. Di contro il MEF adotta strumenti di rapporto con le scuole che intervengono con interpretazioni restrittive e cercano di scaricare la responsabilità di scelte che riguardano i diritti dei lavoratori sui dirigenti e sui direttori e fissa scadenze insostenibili per la trasmissione degli atti delle scuole. 

La scelta di intervenire a modificare i contratti di lavoro con norme confuse e contraddittorie durante l’anno scolastico ha prodotto una situazione insostenibile e scarsa trasparenza e causa disparità di trattamento fra i lavoratori. 

La scuola va rispettata dando ad essa la possibilità di applicare per tutto l’anno scolastico le stesse regole e di programmare le proprie attività: le norme sulla fruizione del diritto alle ferie incidono sulla programmazione del lavoro e debbono essere certe quando si elaborano il POF e i piani delle attività dei docenti e degli ATA.

Iinvece il sistema di pagamento, costruito per le esigenze di centralizzazione e di controllo da parte di MIUR e MEF, è aperto e chiuso in continuazione, è lento e a volte inaccessibile e non rispetta i tempi di lavoro delle scuole e i diritti contrattuali dei lavoratori. La sua funzionalità è uno dei temi sui quali a breve il MIUR aprirà i tavoli tecnici con le Organizzazioni Sindacali.

Continua il nostro impegno per garantire il rispetto dei diritti contrattuali dei lavoratori e liberare le scuole dall’incertezza.

________________________

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE
Ragioneria territoriale dello Stato di Firenze e Prato
Via Pietrapiana n. 53 - F I R E N Z E
tel. 055/2743211 - fax. 055/2743291

A TUTTE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Oggetto: Pagamento ferie non fruite.

In merito alla liquidazione delle ferie non godute dei supplenti retribuiti dalla RTS di Firenze, si invita a non trasmettere i decreti relativi e il tabulato riepilogativo, in quanto i competenti Uffici centrali non hanno ancora fornito i chiarimenti necessari al pagamento delle somme in questione.

Si precisa che il termine previsto per l’inoltro del tabulato è da considerare ordinatorio e non perentorio.

Sarà cura di quest’Ufficio trasmettere, non appena in possesso, le opportune disposizioni operative per consentire la corretta liquidazione delle competenze spettanti.

Cordiali saluti

Firenze, 30/07/2013

Il Direttore
Dott. Oscar Fini

Guide e servizi
TFA sostegno docenti
24 CFU docenti
Applicazione FLC CGIL classi di concorso
Iscriviti alla newsletter della FLC CGIL
Graduatorie personale ATA
Graduatorie 24 mesi personale ATA
Graduatorie di istituto personale ATA
Graduatorie docenti
Graduatorie ad esaurimento docenti
Graduatorie di istituto docenti
Lavorare nella conoscenza
Come si diventa insegnante
Come si diventa ausiliari, tecnici e amministrativi
Seguici su facebook