FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3951131
Home » Scuola » Precari » Intesa Governo-Miur-Sindacati: 6 maggio, incontro su reclutamento personale scolastico

Intesa Governo-Miur-Sindacati: 6 maggio, incontro su reclutamento personale scolastico

Parte il primo confronto su uno dei tavoli tematici previsti dall’Intesa. Seguirà il calendario dei prossimi incontri relativi alle altre tematiche dell’intero comparto “Istruzione e Ricerca” e della dirigenza scolastica.

26/04/2019
Decrease text size Increase  text size

Il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha convocato le organizzazioni sindacali per lunedì 6 maggio 2019 alle ore 11 per affrontare il tema del reclutamento del personale scolastico.
Si tratta dell’istituzione del primo tavolo tecnico previsto dall’intesa del 24 aprile, convocato d’urgenza considerato il tema di scottante attualità: individuare una soluzione straordinaria al problema del precariato scolastico, a partire dall’emergenza docenti (circa 80.000 le cattedre da assegnare a settembre 2019) e DSGA (quasi 2.000 posti scoperti ed un concorso che produrrà i suoi effetti solo a settembre 2019).

Al tavolo discuteremo tenendo come punto di riferimento la nostra proposta di una fase transitoria straordinaria che valorizzi il personale già abilitato e quello con 3 annualità di servizio, nonché, relativamente al personale ATA, gli assistenti amministrativi che hanno ricoperto l’incarico di DSGA in questi anni.

A breve sarà formalizzato il calendario degli incontri sulle altre tematiche/settori oggetto dell’Intesa Governo-Miur-Sindacati del 24 aprile scorso. Vai al testo della convocazione

Infatti, uno dei punti più significativi dell’accordo è rappresentato dall’istituzione dei tavoli di confronto sulle tematiche e sui diversi settori oggetto dell’Intesa: salari del personale del comparto Istruzione e Ricerca, stabilizzazione precari dell’intero comparto, Istituzioni autonomia differenziata, personale ATA, dirigenti scolastici, ricerca, università e AFAM.