FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3886536
Home » Scuola » Precari » Formazione iniziale. TFA e lauree magistrali: una corsa contro il tempo piena di contraddizioni

Formazione iniziale. TFA e lauree magistrali: una corsa contro il tempo piena di contraddizioni

Nell'incontro al MIUR, qualche chiarimento, ma restano insolute molte questioni.

03/11/2011
Decrease text size Increase  text size

Su richiesta delle organizzazioni sindacali, si è tenuto il 3 novembre 2011 un incontro al MIUR per affrontare le questioni relative all'attivazione dei corsi per la formazione iniziale degli insegnanti (TFA e lauree magistrali).

Le informazioni fornite dal MIUR

L'Amministrazione ha illustrato la situazione generale dell'offerta formativa delle Università per i percorsi abilitanti. Dai primi dati, sui quali sono ancora in corso verifiche e controlli, risulta una proposta molto elevata rispetto al fabbisogno individuato dal MIUR.

L'orientamento dell'Amministrazione è comunque quello di autorizzare un numero di posti che non si discosti eccessivamente da quelli preventivati anche se le pressioni sono molto forti.

Ci è stato comunicato che è previsto un ulteriore incontro per la prossima settimana nel quale saranno forniti dati più precisi e anche la ripartizione regionale dell'offerta formativa.

Successivamente l'Amministrazione è intenzionata a pubblicare i Decreti autorizzativi per permettere alle Università di predisporre i bandi.

A breve saranno anche pronte le batterie di test per la prova selettiva che orientativamente dovrebbe svolgersi a inizio 2012. Non si hanno ancora notizie precise sui corsi di Sostegno e sul CLIL i cui decreti sono stati inviati alla Corte dei Conti per la registrazione.

Le nostre osservazioni

In premessa abbiamo sottolineato la contraddittorietà di una politica della formazione iniziale  che da una parte vuole presentarsi rigorosa arrivando ad imporre la selezione anche a coloro che hanno maturato e stanno maturando di servizio nelle scuole, dall'altra allarga le maglie, anche con accordi sotterranei, determinando aspettative e speranze che troveranno ben poche risposte in una situazione di tagli e di blocco delle pensioni. Oltre al fatto che manca ancora qualunque notizia sulle future procedure di reclutamento ed in presenza di decine di migliaia di precari già abilitati. E' davvero anomalo che su questioni così delicate le uniche fonti informative siano i blog personali o interviste estemporanee di collaboratori del Ministero.

Abbiamo anche ribadito l'urgenza della definizione dei regolamenti mancanti, in particolare per la formazione iniziale degli ITP, per la scuola secondaria di II grado e per la definizione "dell'attività procedurale per il reclutamento del personale docente, attraverso concorsi ordinari, con cadenza biennale" come stabilito dalla Legge 244/07.

Nel merito delle questioni abbiamo presentato le seguenti richieste/osservazioni sulle quali si è riscontrata una convergenza di tutte le organizzazioni sindacali.

Percorsi formativi nelle istituzioni AFAM:

  • E' necessario fornire indicazioni chiare anche per i percorsi AFAM e l'esigenza che tutti i percorsi formativi abbiano un'unica regia. Ci risulta che tutte le istituzioni AFAM abbiano progettato, (e la D.G. dell'AFAM ha approvato) i percorsi di diploma accademico di II livello, ma non si hanno notizie sulla programmazione degli accessi e sull'attivazione del TFA.
  • E' necessario chiarire che i titoli di accesso per gli istituendi TFA delle Accademie e dei Conservatori siano i medesimi previsti per Università dal DM 249/10. In particolare deve essere ribadito che sono titoli di accesso anche i diplomi di vecchio ordinamento rilasciati dalle istituzioni AFAM.

L'Amministrazione si è impegnata ad affrontare le questioni relative al comparto AFAM nel prossimo incontro, garantendo comunque una gestione unitaria di tutti i percorsi formativi.

Requisiti di accesso per l'insegnamento della lingua straniera nella scuola media

  • E' necessario rivedere l'orientamento espresso nella nota 1065 del 29 aprile 2011 rispetto all'insegnamento della lingua straniera nella secondaria di I grado (come da nostra lettera sulla quale non abbiamo ancora ricevuto risposta). Nella fase transitoria del TFA va prevista l'abilitazione con la vecchia modalità: una sola lingua straniera. Se ciò non fosse si creerebbero notevoli disparità di trattamento tra docenti che stanno anche già lavorando nella scuola da anni.

L'Amministrazione, ed in particolare la Direzione generale per il personale, ha condiviso la richiesta in quanto gli insegnamenti delle lingue straniere nella scuola secondaria di I grado sono comunque distinti nelle fasi di costituzione degli organici e dovrebbe fornire un chiarimento in tal senso, anche ai fini di una corretta definizione del piano dell'offerta formativa delle Università.

Crediti mancanti per l'accesso al TFA

  • Occorre rivedere l'orientamento espresso nella nota 1065 del 29 aprile 2011 rispetto alla possibilità di maturare eventuali crediti mancanti solo entro l' a.a. 2010/11. In effetti potendo accedere ai percorsi abilitanti con il solo TFA anche coloro che nell'a.a. 2010/11 erano iscritti al primo anno della laurea specialistica/magistrale e che pertanto acquisiranno la laurea specialistica/magistrale non prima dell'a.a. 2011/12, è incomprensibile che chi è già laureato non possa, anche in anni accademici successivi, maturare eventuali crediti mancanti.

Anche su questa questione l'orientamento dell'Amministrazione è stato quello di accogliere la richiesta, chiarendo definitivamente che gli eventuali crediti mancanti vadano acquisiti entro la data dei bandi per i TFA dei vari anni accademici e quindi anche per i prossimi anni.

Corso abbreviato di Scienze della Formazione primaria

  • E' necessaria una verifica dell'attivazione dei corsi abbreviati per Scienze della Formazione primaria: il Ministero deve pubblicare al più presto le istruzioni preannunciate con la nota 81 del 5 agosto 2011, altrimenti nessuna Università potrà attivarli.

L'ipotesi scaturita dalla discussione è stata quella di utilizzare i 1.400 posti non attivati rispetto al fabbisogno per la laurea in Scienze della formazione primaria per il percorso abbreviato, anche se l'eventuale attivazione resta discrezionale da parte delle singole Università.

Corsi di lingua inglese per i maestri abilitati

  • E' stata chiesta l'attivazione, all'interno dei percorsi di laurea in Scienze della formazione primaria, di corsi di lingua inglese per i maestri abilitati, in modo che anche i docenti non ancora di ruolo possano acquisire tale idoneità evitando sperequazioni nell'utilizzo delle graduatorie d'istituto.

Sull'argomento sarà possibile un approfondimento nel prossimo incontro.

Costi dei percorsi formativi

  • E' necessario, per evitare costi spropositati, che la contribuzione studentesca per la frequenza del TFA, del percorso per la specializzazione nel sostegno, dei corsi di perfezionamento CLIL e del corso annuale per i "maestri", rientrino nel calcolo del 20% dell'importo del finanziamento ordinario annuale dello Stato previsto dall'art. 5 comma 1 del DPR 306/97. o che siano definiti tetti nazionali.

Non essendo presente il Direttore Generale dell'Università, l'argomento è stato rinviato al prossimo incontro.

Guide e servizi
TFA sostegno docenti
24 CFU docenti
Applicazione FLC CGIL classi di concorso
Iscriviti alla newsletter della FLC CGIL
Graduatorie personale ATA
Graduatorie 24 mesi personale ATA
Graduatorie di istituto personale ATA
Graduatorie docenti
Graduatorie ad esaurimento docenti
Graduatorie di istituto docenti
Lavorare nella conoscenza
Come si diventa insegnante
Come si diventa ausiliari, tecnici e amministrativi
Seguici su facebook