FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3959122
Home » Scuola » Precari » Concorso straordinario scuola: la nota del Ministero conferma la sospensione fino al 3 dicembre

Concorso straordinario scuola: la nota del Ministero conferma la sospensione fino al 3 dicembre

Una situazione che poteva essere evitata mediante una procedura per titoli. Ora serve un confronto vero sul reclutamento e soluzioni per i docenti esclusi dalle prove a causa della pandemia.

04/11/2020
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Con la nota 1979 del 4 novembre 2020 il Ministero dell'Istruzione conferma che per effetto del DPCM del 3 novembre 2020 appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale le procedure del concorso straordinario (DD 510/2020 e DD 873/2020) sono sospese fino al 3 dicembre.

Il Ministero fornirà indicazioni rispetto alla correzione delle prove già svolte.

Procedono regolarmente invece le procedure del concorso ordinario per Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi.

La nostra valutazione

Come già espresso dal nostro Segretario Generale Francesco Sinopoli la procedura per titoli e prova orale, che sin da marzo avevamo proposto, avrebbe evitato questi problemi e garantito le assunzioni su tutti i posti rimasti scoperti, consentendo alle scuole una ripartenza migliore.

Per dare risposte efficaci alla scuola serve il confronto con le parti sociali che da parte del Ministero dell'Istruzione è mancato in questi mesi, per questo ci aspettiamo un cambio di passo.

Migliaia di docenti sono stati esclusi dalle prove a causa della pandemia e la sospensione del concorso a procedura avviata ripropone con forza il problema delle prove suppletive, il tema della copertura di tutte le cattedre scoperte, il tema dei percorsi abilitanti e della necessità di una programmazione su reclutamento e formazione in ingresso.

Serve un confronto vero e costruttivo che permetta di dare risposte alla scuola, diversamente  ci troveremo all'indomani dell'emergenza con una scuola ancora in ginocchio, che non potrà dare agli studenti e al Paese le risposte di cui dovrebbe essere all'altezza.