FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3929483
Home » Scuola » Precari » Concorso scuola. Le proposte del Ministero in un incontro puramente di facciata

Concorso scuola. Le proposte del Ministero in un incontro puramente di facciata

Si confermano le nostre preoccupazioni sull'utilità di questa procedura affrettata e non inclusiva.

02/02/2016
Decrease text size Increase text size
Vai agli allegati

L’incontro del 28 gennaio 2016 tra l’Amministrazione e i sindacati sul concorso a cattedre si è rilevato un nulla di fatto, perché l’Amministrazione, dopo aver inviato in ritardo le bozze dei provvedimenti (gli stessi sui quali il CSPI aveva già espresso numerosi rilievi e osservazioni) non ha aperto alcuna interlocuzione che non fosse l’ascolto passivo.

Abbiamo ribadito la nostra contrarietà a un concorso che verrebbe bandito nel caos più totale e in assenza di tutele per coloro che in possesso dell’abilitazione e del servizio possono vantare il diritto alla stabilizzazione, compresi i docenti della scuola dell’infanzia, illegittimamente estromessi dal piano nazionale di assunzioni.

Nel merito dei provvedimenti abbiamo rilevato, analogamente a quanto deliberato dal CSPI, le numerose contraddizioni presenti e la superficialità con la quale si intende attivare una procedura così delicata.

Solo a titolo di esempio ci sembra utile segnalare l'errore grossolano presente nelle tabelle di valutazione dei titoli. Ai punti A.1.1 e A.2.1 della bozza di tabella, risulta che chi non ha il voto di abilitazione ottenga 2,5 punti mentre chi ha fino a 75/100 ottenga 0 punti. Quindi per chi ha fino a 75/100 conviene non dichiarare il voto? Questo è il merito del Miur?