FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3858717
Home » Scuola » Operazione trasparenza: la FLC ascolta i lavoratori e viene accusata di fare demagogia

Operazione trasparenza: la FLC ascolta i lavoratori e viene accusata di fare demagogia

Democrazia non fa rima con demagogia. CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS e GILDA accusano la FLC Cgil di fare demagogia perché ascolta i lavoratori: ecco quello che accade quando si ha paura della democrazia. Si può ancora votare con il sondaggio on line sul nostro sito.

12/02/2009
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

>> Approfondimenti sul referendum <<
>> Ultimi giorni per il sondaggio on line <<

In questi giorni sta accadendo un fatto straordinario, si sta dando voce alla scuola.
Straordinario, perché nessuno se ne fa carico, ancora più straordinario perché chi, come la FLC Cgil, decide di farlo autonomamente viene accusato di fare demagogia.

Strana società la nostra:

Pericoloso far diventare un fatto straordinario la pratica della democrazia.

In verità, in molte situazioni le assemblee vengono svolte anche unitariamente, come la FLC Cgil aveva chiesto. Certo, è un'unità non condivisa dai vertici nazionali ma spesso praticata con convinzione da chi ha maggiore dimestichezza con i lavoratori in carne e ossa, quelli che hanno avuto un "piatto di lenticchie" al posto di aumenti contrattuali dignitosi.

Abbiamo ricordato il caso di Piacenza, dove la CISL scuola ha portato le proprie ragioni in assemblea insieme alla FLC in un confronto aperto e corretto che ha portato ad un risultato del 68% per il NO. In altre realtà territoriali, invece, si condividono, insieme alla FLC, le ragioni del NO e i risultati variano dall'80% al 90% per il NO.

Non mancano, poi, situazioni grottesche:

  • in alcune regioni, per fortuna poche, i sindacati firmatari si avventurano persino nell'interpretazione dello statuto della FLC per sostenere l'illegittimità del referendum: "c'è scritto che la FLC si impegna a consultare solo i suoi iscritti, non tutti i lavoratori"!

  • Ancora, "lo statuto dei lavoratori non prevede che un sindacato possa indire un referendum"!

  • Non è finita, "Hanno diritto a consultare i lavoratori solo i sindacati firmatari, non quelli che non hanno firmato"!

Siamo alla farsa, se la situazione non fosse così seria, anzi drammatica (In allegato i casi di Basilicata, Piemonte, Sicilia).

Il senso delle istituzioni prevale

Nonostante le pressioni, le scorrettezze, le rozze argomentazioni, le assemblee di consultazione proseguono partecipate, i lavoratori esprimono la loro opinione e votano massicciamente. Per una volta, anche il senso delle istituzioni prevale perché, ove richiesto, i Direttori degli Uffici Scolastici Regionali hanno inviato una circolare ai dirigenti scolastici invitandoli a favorire le procedure del referendum indetto dalla FLC (in allegato alcune comunicazioni degli Uffici Scolastici Regionali).

La FLC non smette di praticare la democrazia

Il 16 febbraio si concluderà questa consultazione e daremo notizia dei risultati. Intanto è già avviata, ad iniziativa della FLC, la campagna di assemblee e il referendum sul contratto biennale dell'università e, insieme alla CGIL, saremo nei luoghi di lavoro per informare e chiedere il parere sulle modifiche del sistema contrattuale, firmate dal Governo, Confindustria e CISL e UIL.

Lasciamo ad altri la demagogia e l'opportunismo, la democrazia è una cosa seria e non va ad intermittenza. Chi ne abbandona la pratica, finisce con allontanarsene pericolosamente.

Roma, 12 febbraio 2009

Allegati

Servizi e comunicazioni

IV Congresso nazionale FLC CGIL
IV Congresso nazionale FLC CGIL
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook