FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti
http://www.flcgil.it/@3866479
Home » Scuola » Mercato del lavoro. Contratti di solidarietà difensivi ampliata la platea

Mercato del lavoro. Contratti di solidarietà difensivi ampliata la platea

Il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali precisa che questo ammortizzatore sociale è esteso anche alle imprese con meno di 15 dipendenti. Ora tale norma è applicabile a tutto il comparto della scuola non statale.

05/11/2009
Decrease text size Increase  text size

Si tratta di una novità dell’ultima ora. E’ possibile, quindi, che le imprese con meno di 15 dipendenti possano, anche al fine di evitare licenziamenti plurimi individuali per giustificato motivo oggettivo ricorrere ai contratti di solidarietà difensivi di cui all’ art. 5 comma 5. del decreto legge n.148/93, convertito con legge n. 236/93, così come modificato dall’art. 7 –ter, comma 9, lettera d) della legge n. 33/2009.

Lo ha chiarito in via definitiva il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali con una nota del 3/11/2009 in risposta ad un quesito sollevato dalla Direzione Provinciale del Lavoro di Modena del 3 novembre u.s.

Con questa ultima disposizione - in applicazione di quanto contenuto nell’art. 7-ter, comma 9, lettera d) della legge n. 33./2009 - viene estesa la platea dei possibili fruitori di questo strumento di ammortizzatore sociale che prevede la possibilità di stipulare contratti di solidarietà difensivi per massimo 24 mesi al fine di evitare o ridurre le eccedenze di personale nel corso della procedura di mobilità di cui all’art. 24 della legge n. 223/91° e al fine appunto di evitare licenziamenti plurimi per giustificato motivo oggettivo. In tale circostanza, infatti, viene corrisposto alle imprese e ai lavoratori interessati un contributo pari alla metà del monte ore retribuito non dovuto a seguito della riduzione d’orario.

Come è noto il ricorso ai contratti di solidarietà difensivi di cui alle norme sopra richiamate è stato recepito, in caso di crisi aziendale accertata, da tutti e tre i CCNL della scuola non statale (Agidae, Fism e Aninsei). L’estensione della platea dei fruitori consente di intervenire, a tutela dell’occupazione e del reddito, anche in quelle realtà precedentemente escluse perché con un numero di dipendenti inferiore a 15 unità. Ne consegue che il ricorso a questo specifico ammortizzatore sociale si applica anche a tutto il comparto della scuola non statale indipendentemente dal CCNL di riferimento e dal numero dei dipendenti occupati.

Ovviamente per quest’ultime la disposizione del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali individua un percorso specifico non potendo queste far ricorso all’art. 24 della legge n. 223/91 sui licenziamenti collettivi.

Roma, 5 novembre 2009

Servizi e comunicazioni

Il CAAF CGIL ti è vicino
Il CAAF CGIL ti è vicino
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook