FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3810773
Home » Scuola » I Sindacati disdicono i contratti della scuola privata

I Sindacati disdicono i contratti della scuola privata

Disdetta dei contratti collettivi di lavoro del settore

20/09/2001
Decrease text size Increase  text size

Le organizzazioni sindacali della scuola, CGIL-CISL-UIL e SNALS, hanno formalizzato, con specifiche comunicazioni, alle associazioni padronali e datoriali di AGIDAE, FISM e ANINSEI/ASSOSCUOLA/FIINSEI, ai sensi dei rispettivi articoli contrattuali e ai sensi dell'accordo interconfederale del luglio 1993, la disdetta dei contratti collettivi di lavoro del settore tutti in scadenza il 31 dicembre 2001, ai sensi e per gli effetti dei rispettivi articoli contrattuali e dell'accordo interconfederale del luglio 1993.
La disdetta formale dei contratti rappresenta l'avvio della vertenza per il loro rinnovo che vedrà le organizzazioni sindacali impegnate in prima battuta nella costruzione con i lavoratori delle relative piattaforme rivendicative da sottoporre, successivamente, al confronto negoziale con le controparti padronali, laiche e religiose.
Si ricorda che la stagione contrattuale che ci accingiamo ad intraprendere è riferita al rinnovo sia della parte normativa (quadriennale ) 2002-2005 sia alla parte economica (biennale) 2002-2003. La vertenza interessa complessivamente circa 100.000 lavoratori, docenti e non docenti, occupati nelle scuole private curriculari ed extracurriculari di ogni ordine e grado.

Roma, 20 settembre 2001

Servizi e comunicazioni

Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook