FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3905907
Home » Scuola » Formazione Professionale » Italia Lavoro e servizi di orientamento e placement per gli istituti tecnici e professionali: emanati nuovi bandi

Italia Lavoro e servizi di orientamento e placement per gli istituti tecnici e professionali: emanati nuovi bandi

Riguardano le Regioni Lazio e Puglia e rientrano nel progetto "FIxO - Scuola & Università" Linea di intervento 2.

09/10/2013
Decrease text size Increase  text size

In alcune note precedenti avevamo dato notizia dell’emanazione dei bandi regionali relativi al progetto “FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L’OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITÀ – FIxO S&U” Linea di intervento 2, che prevede l’organizzazione e l’implementazione di una struttura all’interno delle Scuole, in grado di erogare servizi di orientamento e placement per diplomandi e diplomati degli istituti tecnici e professionali.

Come è noto, l’iniziativa, promossa e sostenuta dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Direzione Generale per le Politiche attive e passive del lavoro, con l’Assistenza Tecnica di Italia Lavoro S.p.A., è finalizzata alla riduzione dei tempi di ingresso nel mercato del lavoro dei diplomati, “attraverso interventi volti alla qualificazione e al rafforzamento del sistema scolastico nella organizzazione ed erogazione di servizi di orientamento e intermediazione e di dispositivi e misure di politiche attive del lavoro, (….) nell’ambito della filiera pubblico-privata dei servizi per il lavoro nazionali e regionali”, con l’obiettivo di supportare almeno 365 Scuole in forma singola o associata e di raggiungere un bacino potenziale di 55.000 giovani tra studenti, diplomandi e diplomati.

Dopo Marche, Liguria, Emilia Romagna, Piemonte, Sicilia, Lombardia, Molise, Calabria, Abruzzo, Campania, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Provincia autonoma di Trento, Sardegna e Umbria, sono stati emanati i bandi relativi alle scuole delle Regioni Lazio e Puglia.

Anche in questo caso per attivare l’intervento è stato sottoscritto preliminarmente una specifica Convenzione Istituzionale tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e le due Regioni. In questa tabella il quadro sinottico delle convenzioni sottoscritte e rese note fino ad oggi.

Regione

Data di sottoscrizione della Convenzione Istituzionale

Emilia Romagna

7 settembre 2012

Piemonte

24 settembre 2012

Marche

10 ottobre 2012

Lazio

19 ottobre 2012

Sicilia

7 novembre 2012

Lombardia

16 novembre 2012

Liguria

19 novembre 2012

Molise

8 gennaio 2013

Campania

22 gennaio 2013

Calabria

28 gennaio 2013

Abruzzo

27 febbraio 2013

Veneto

27 febbraio 2013

Friuli Venezia Giulia

27 febbraio 2013

Toscana

27 febbraio 2013

PA Trento

8 aprile 2013

Sardegna

3 maggio 2013

Umbria

14 giugno 2013

Puglia

13 settembre 2013

Questo il quadro sintetico degli avvisi fino ad oggi pubblicati.

I destinatari dell’azione sono per le Regioni Lazio e Puglia:

  • diplomandi (frequentanti il IV e il V anno) annualità 2013/2014;
  • diplomati nell'anno scolastico 2012-2013.

Possono presentare la propria candidatura le seguenti tipologie di Scuole statali e paritarie:

a. istituti tecnici
b. istituti professionali
c. istituti d’istruzione superiore con almeno un indirizzo di studio tecnico o professionale
d. reti di istituti, composte eventualmente anche da licei.

Potranno partecipare unicamente le scuole che abbiano effettuato l’iscrizione alla Borsa Continua Nazionale del Lavoro (BCNL) tramite il portale Cliclavoro ovvero che dimostreranno di aver effettuato la richiesta di iscrizione entro la data di sottoscrizione dell’atto di concessione del contributo.

L’assegnazione dei contributi avverrà con procedura “a sportello” seguendo l’ordine cronologico di ricevimento delle domande. Le domande per essere accolte devono superare un punteggio minimo in base ad una tabella di valutazione che varia di Regione a Regione.

Italia Lavoro ha predisposto un modello organizzativo per strutturare o qualificare i servizi di orientamento e placement, che le scuole possono parzialmente adattare, purché le attività proposte siano coerenti con i bisogni degli studenti e funzionali alla realizzazione del percorso personalizzato di orientamento e placement.

Ai fini del riconoscimento economico, ogni Soggetto Proponente, a seguito dello sviluppo del modello di placement, deve erogare, da un minimo di 50, fino ad un massimo di 150 diplomandi/diplomati, un percorso personalizzato di orientamento e placement, di durata non inferiore alle sette ore di attività individuale (1 ora = 60 minuti). Il contributo previsto è pari ad euro 200 per destinatario.

Questo il modello di percorso personalizzato proposto da Italia Lavoro:

PERCORSO PERSONALIZZATO DI ORIENTAMENTO E PLACEMENT

Servizio

Durata in ore

Accoglienza e accesso ai servizi

1

Colloquio di orientamento

da 1 a 3 ore

Definizione del Piano di Intervento Personalizzato

1

Tutoring e counselling orientativo

Da 1 a 3 ore

Scouting aziendale e ricerca attiva del lavoro

Da 1 a 3 ore

Totale ore da effettuare

7

Per un’analisi più approfondita dell’iniziativa si rimanda alle notizie pubblicate in precedenze (vedi correlati).

Servizi e comunicazioni

Elezioni RSU 2018: candidati con noi!
Elezioni RSU 2018: candidati con noi
Verso il rinnovo del contratto
Verso il rinnovo del contratto
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2017/2018
Cantiere scuola FLC CGIL: le nostre proposte
Linee guida contrattazione
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook