FLC CGIL
Sottoscrizione Aiuta chi ci aiuta

http://www.flcgil.it/@3954557
Home » Scuola » Docenti » V ciclo del TFA di sostegno: grave carenza di posti negli atenei del centro nord e nessuna risposta per i precari storici

V ciclo del TFA di sostegno: grave carenza di posti negli atenei del centro nord e nessuna risposta per i precari storici

Il MIUR perde l'ennesima occasione per un confronto utile con i sindacati e ignora la richiesta unitaria di incontro presentata sin da novembre.

17/02/2020
Decrease text size Increase  text size

L'avvio del V ciclo del TFA di sostegno segna sicuramente un passo in avanti per i numeri dei posti disponibili che sono aumentati rispetto al IV ciclo, passando dai 14.224 posti dello scorso anno ai  19.585 attuali.

Tuttavia ritroviamo la medesima lacuna dello scorso anno sulla redistribuzione dei posti, che evidenzia l’assoluta mancanza di una cabina di regia ministeriale sulla definizione delle disponibilità espresse dai diversi atenei. La conseguenza, che ormai è sotto gli occhi di tutti, è che sono disponibili molti più posti negli atenei del sud, benché le cattedre siano largamente vacanti soprattutto nelle scuole del centro nord.

La richiesta di incontro che come sindacato abbiamo avanzato al MIUR a novembre voleva essere un'occasione per chiedere chiarimenti sui titoli di accesso e per presentare delle proposte. 

Ad esempio prevedere quote di posti dedicate ai precari che lavorano da più di tre anni su posti di sostegno e varare un piano per assorbire in organico di diritto le cattedre di sostegno autorizzate in deroga.

Ormai sono oltre 70 mila i posti che ogni anno vengono attribuiti a supplenza: in pratica 1 posto su 3 è precario, con la conseguenza che migliaia di studenti con disabilità ogni anno sono costretti a cambiare docente, a dispetto di qualunque continuità didattica.

Addirittura abbiamo visto che gli insegnanti con tre anni di servizio su cattedra di sostegno senza specializzazione non vengono ammessi al concorso straordinario per la classe di concorso, l'ennesima ingiustizia perpetrata in assenza di un vero confronto.

Noi speriamo che sui temi del sostegno e dell'inclusione ci sia una vera inversione di rotta, per il bene degli alunni e dei docenti precari.

Anche questi elementi rafforzano la nostra determinazione allo sciopero del prossimo 6 marzo.

Servizi e comunicazioni

Dona ora! “Aiuta chi ci aiuta”
Sottoscrizione Aiuta chi ci aiuta
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook