FLC CGIL
Sciopero scuola 30 maggio 2022, cosa chiediamo

http://www.flcgil.it/@3892932
Home » Scuola » Docenti » Corsi di recupero: le verifiche vanno effettuate entro l'inizio delle lezioni dell'anno successivo

Corsi di recupero: le verifiche vanno effettuate entro l'inizio delle lezioni dell'anno successivo

A fronte di indicazioni contraddittorie da parte di alcuni uffici periferici del MIUR, riepiloghiamo la normativa

08/06/2012
Decrease text size Increase  text size

Si moltiplicano le segnalazioni di indicazioni, da parte di alcuni Uffici Scolastici Regionali, incoerenti con le norme attualmente in vigore relative alle modalità di effettuazione e alla tempistica dei cosiddetti corsi di recupero della secondaria di II grado. E' opportuno, pertanto, fare il punto della situazione su questa specifica problematica.

L'art. 1 comma 1 della Legge 1/07 ha stabilito che all'esame di maturità siano ammessi gli  alunni che abbiano "saldato i debiti formativi contratti nei precedenti anni scolastici, secondo modalità definite con  decreto  del  Ministro della pubblica istruzione."

Il Ministro della Pubblica Istruzione dell'epoca, Fioroni, stabilì con successivi atti normativi, dai contenuti spesso contraddittori (DD.MM. 42/2007 e 80/2007 e OM 92/2007), l'obbligatorietà del recupero entro l'anno in corso. Tale obbligatorietà fu resa meno rigida dalla nota ministeriale del 4 giugno 2008 n. 6163 e dalla CM 12/09 che prevedevano più ampi margini di discrezionalità per i tempi e le modalità di realizzazione delle iniziative di recupero.

Infine il DPR 122/09, "Regolamento recante coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni", all'articolo 4 comma 6 ha stabilito che "l'accertamento" al termine degli "interventi didattici programmati per il recupero delle carenze rilevate" deve essere effettuato non oltre la data di inizio delle lezioni dell'anno scolastico successivo.

Da questa breve e non certamente esaustiva esposizione della normativa di settore, si ricava quanto segue

  1. il recupero è obbligatorio in quanto sia la Legge 1/2007 che il D.M. 80/2007 sono  espressamente richiamati nelle premesse del vigente regolamento sulla valutazione degli alunni (DPR 122/09). Inoltre il medesimo Regolamento all'art. 4 comma 6 ha stabilito modalità e tempistica per l'attuazione di questi interventi didattici
  2. nello scrutinio di giugno, il giudizio sugli alunni viene sospeso per le discipline in cui sono insufficienti, in attesa di una verifica finale da disporsi dopo gli interventi di recupero;
  3. le verifiche finali devono comunque  svolgersi entro l'inizio effettivo dell'anno scolastico successivo previsto dal calendario scolastico regionale;
  4. le verifiche non sono veri e propri esami, non richiedono commissioni , ma solo la presenza di testimoni, né richiedono necessariamente l'articolazione in scritto e orale;
  5. una cura particolare va riservata nella comunicazione alle famiglie delle insufficienze degli alunni, degli interventi di recupero decisi dalla scuola e dei risultati delle verifiche del recupero.

Servizi e comunicazioni

Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook