FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3858335
Home » Scuola » Contratto scuola 2008/2009: i lavoratori hanno perso in media il 32% rispetto al precedente CCNL

Contratto scuola 2008/2009: i lavoratori hanno perso in media il 32% rispetto al precedente CCNL

Aumenti a confronto. In una nostra tabella vengono confrontati gli aumenti del CCNL firmato nel 2007 con quelli previsti dal contratto 2008/2009, non firmato dalla FLC Cgil. Invitiamo i lavoratori della scuola a pronunciarsi per il NO in occasione del referendum e a partecipare al sondaggio on line sul nostro sito.

04/02/2009
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

>> Aumenti a confronto tra i contratti scuola del 2006 e del 2008 <<

>> Approfondimenti e materiali per il referendum <<

Nella tabella allegata, dati alla mano, dimostriamo che i lavoratori della scuola con il contratto 2008/2009, non firmato dalla FLC, hanno perso, rispetto al precedente CCNL, in media il 32%.

Ma non è finita qui, il contratto firmato nel 2007, oltre gli aumenti tabellari, aveva portato nelle loro tasche anche altri benefici economici legati alla valorizzazione docente, Ata e un compenso una tantum. Il "vecchio" contratto aveva aumentato le retribuzioni del 6,01% mentre il "nuovo" si ferma ad un recupero del 3,2% riducendo anche il Fondo di istituto.

Per tutte queste ragioni la FLC non ha firmato il contratto e invita i lavoratori della scuola a pronunciarsi per il NO in occasione del referendum e a partecipare al nostro sondaggio on line.

Roma, 4 febbraio 2009

Servizi e comunicazioni

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook