FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti
http://www.flcgil.it/@3920229
Home » Scuola » Certificazione delle competenze: il MIUR presenta i modelli sperimentali

Certificazione delle competenze: il MIUR presenta i modelli sperimentali

Riguardano la scuola primaria e la scuola secondaria di I grado.

16/02/2015
Decrease text size Increase  text size

Nei giorni scorsi si è svolta presso la Direzione Generale degli ordinamenti un incontro sulle bozze di circolare e linee guida riguardanti l’adozione di modelli sperimentali per la certificazione delle competenze al termine della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado. 

Come è noto l’articolo 8 del Regolamento sulla valutazione degli alunni, DPR 122/09, prevede che le competenze al termine della scuola primaria siano “descritte e certificate”, e che al termine della scuola secondaria di primo grado siano “accompagnate anche da valutazione in decimi”. L’articolo 10 del Regolamento sull’autonomia, DPR 275/99, prevede l’adozione, con decreto ministeriale, di “nuovi modelli per le certificazioni, le quali indicano le conoscenze, le competenze, le capacità acquisite e i crediti formativi riconoscibili”. L’art. 3 comma 1 lettera a) della legge 53/03 stabilisce che il rilascio della certificazione sia di competenza dell‘istituzione scolastica frequentata dall'allievo. Infine nello specifico paragrafo delle Indicazioni Nazionali per il curricolo (DM 254/12) si chiarisce che la certificazione delle competenze "attesta e descrive le competenze progressivamente acquisite dagli allievi".

Il MIUR ha ipotizzato il seguente percorso per l’adozione definitiva dei modelli:

  • per il corrente anno scolastico le scuole possono aderire liberamente alla sperimentazione. Ciò comporterebbe l'adozione dei nuovi modelli di certificazione (classe quinta primaria e classe terza secondaria di l grado) in tutte le classi dell’istituto interessato
  • per l’a.s. 2015/16 sarebbe prevista l’adozione generalizzata in tutte le scuole del prototipo di modello
  • per l’a.s. 2016/17 ci sarebbe l’adozione obbligatoria del nuovo modello di certificazione mediante il suo recepimento in decreto ministeriale, come previsto dall'articolo 8 del DPR 122/09.

La FLC CGIL  pur apprezzando la volontà del MIUR di colmare una lacuna più volte denunciata, ha avanzato le seguenti richieste:

  • Il processo relativo alla certificazione delle competenze deve essere accompagnato da una forte azione di formazione dei docenti e dei dirigenti scolastici
  • l’adozione, seppure a livello sperimentale già a partire dal corrente anno scolastico, non è condivisibile. E’ necessario che alle scuole vengano concessi tempi distesi e definite modalità rispettose delle decisioni già assunte nel Piano dell’Offerta Formative. Per questo è opportuno che la sperimentazione venga avviata a partire dal prossimo anno scolastico
  • le modalità di effettuazione della sperimentazione appaiono rigide. In particolare l’obbligo di applicazione in toto dei modelli sperimentali e in tutte le classi non appare, in questa fase, giustificata. La FLC CGIL ha chiesto che le modalità di partecipazione alla sperimentazione siano decise autonomamente dalle istituzioni scolastiche.

Il MIUR si è riservato di apportare cambiamenti ai testi presentati. La pubblicazione di tutta la documentazione è prevista in tempi rapidi.

Servizi e comunicazioni

Il CAAF CGIL ti è vicino
Il CAAF CGIL ti è vicino
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook