FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3930619
Home » Scuola » Bonus docenti: il nostro percorso di legalità

Bonus docenti: il nostro percorso di legalità

Una nota unitaria conferma l’orientamento sindacale per un utilizzo del bonus centrato sulla contrattazione e su di un percorso democratico di legalità, trasparenza, partecipazione.

16/03/2016
Decrease text size Increase text size
Vai agli allegati

FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola e SNALS Confsal, in merito al bonus docenti istituito dalla legge 107/15, contestualmente al confronto aperto col MIUR e nell’imminenza della comunicazione della quota spettante alle singole istituzioni scolastiche, confermano le linee di comportamento già annunciate ad agosto 2015 e sostenute in questi mesi in tutti i contesti politici e sindacali.

Leggi il documento unitario

I sindacati scuola ripropongono con chiarezza e nettezza un percorso basato sui valori della partecipazione, collegialità, condivisione, trasparenza, cooperazione. Di contro a quelli basati invece sulla competizione, sulla riduzione della democrazia, sull’espropriazione delle prerogative collegiali e della contrattazione.

I principi fondanti dell’articolato documento sono i seguenti:

  1. le attività e gli incarichi da retribuire col bonus non possono essere altri che quelli definiti dal collegio dei docenti;
  2. il comitato di Valutazione deve basare le sue scelte recependo quanto stabilito dal collegio;
  3. i criteri per la ripartizione del Bonus fra le attività e gli incarichi e per l’assegnazione dei compensi devono essere definiti in contrattazione di Istituto;
  4. in mancanza del rispetto di queste competenze del collegio e della contrattazione nel comitato di valutazione si dovrà operare solo per l’espressione del parere per la conferma in ruolo dei neoassunti;
  5. il comitato di Valutazione è organo collegiale perfetto;
  6. ogni organo deve agire nel rispetto e nei limiti delle proprie competenze;
  7. il bonus altro non è che salario accessorio e come tale va contrattato;
  8. la dirigenza scolastica, lungi dall’assumere vesti improprie di autorità salariale e didattica, agirà come vera dirigenza, non amministrativa, non burocratica, ma scolastica e in quanto tale posta alla direzione di una formazione sociale quale è l’istituzione scolastica.

Il documento si propone come linea di orientamento per tutti i soggetti e come proposta di un terreno di confronto e dialogo. Per questo argomenta le sue tesi, richiama la normativa, chiarisce come le norme che vengono talora richiamate a supporto di una gestione autoritaria ed extracontrattuale non trovino applicazione nel contesto scolastico.

Servizi e comunicazioni

Verso il rinnovo del contratto
Verso il rinnovo del contratto
Ora e sempre esperienza!
Mobilità scuola 2016/2017
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2016/2017
Cantiere scuola FLC CGIL: le nostre proposte
Linee guida contrattazione
Le funzioni nel consiglio di classe
Quando si chiamano i supplenti
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook