FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3854987
Home » Scuola » Anche nella scuola dell'infanzia meno tempo scuola, maestro unico e doppi anticipi!

Anche nella scuola dell'infanzia meno tempo scuola, maestro unico e doppi anticipi!

Nel piano programmatico un attacco inaudito alla scuola dell'infanzia

31/10/2008
Decrease text size Increase  text size

Della scuola dell'infanzia il ministro non parla lasciando intendere che questo segmento non sarà toccato dai tagli e dai provvedimenti del piano attuativo dell'art. 64 del decreto 112/08. Ma non è affatto così! Quello che si prospetta è un attacco inaudito alla scuola delle bambine e dei bambini più piccoli, in continuità con il disegno di destrutturazione del sistema di istruzione pubblico che ispira ogni provvedimento di questo governo di destra.

L'applicazione del piano programmatico comporterà uno stravolgimento dell'attuale scuola dell'infanzia: si cancella un ottimo modello didattico ed organizzativo - ormai consolidato negli ultimi 20 anni e riconosciuto come tra i migliori al mondo; si interviene su tutta la fascia di età 0-6 calpestando i diritti dei più piccoli, la professionalità del personale e le vere esigenze delle famiglie.

Ecco in sintesi gli interventi previsti:

1. Fascia 3-6 anni

  • Volendo fare il miracolo di perseguire l’obiettivo della generalizzazione della scuola dell’infanzia tagliando posti di lavoro, orario e servizio, si pensa di intervenire per una gestione più accurata delle scuole paritarie che ricevono finanziamenti pubblici finalizzati ad una espansione del servizio che, però, non sempre si riscontra.

  • Per spremere risorse da utilizzare per la generalizzazione si pensa di accorpare bambini di più sezioni durante le ore pomeridiane quando la frequenza è meno diffusa.

  • Si ipotizza poi di affidare all'Invalsi la valutazione della scuola dell'infanzia, per la quale oggi non è prevista una valutazione dei percorsi e dei risultati riconducibile al sistema nazionale di valutazione.

2. Fascia 0-3 anni

Per dare risposte alla forte domanda sociale di servizi per i più piccoli, ed avvicinarsi agli obiettivi di Lisbona, si prevede:

  • la reintroduzione degli anticipi generalizzati nella scuola dell'infanzia, già previsti dalla Legge 53/03 e dal DL.vo59/04, che la legge Finanziaria del 2007 aveva abolito;

  • la possibilità di iscrivere alla scuola dell’infanzia i bambini già a partire dai 24 mesi per poter raggiungere il numero minimo di iscrizioni per istituire una sezione di scuola dell'infanzia (oggi 15, con il piano Gelmini 18);

  • la prosecuzione e lo sviluppo, se perdurano i finanziamenti, delle sezioni primavera per smaltire le liste d'attesa e dare risposte alla domanda di servizi socio-educativi.

ANCHE NELLA SCUOLA DELL'INFANZIA MENO TEMPO SCUOLA, MAESTRO UNICO E DOPPI ANTICIPI!

La scuola dell'infanzia dice NO a questo ulteriore attacco! La nostra mobilitazione prosegue per contrastare la distruzione della "prima scuola" per le bambine e i bambini del nostro Paese e per salvaguardare la professionalità del suo personale.

Roma, 30 ottobre 2008

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook