FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3900429
Home » Ricerca » Ricerca: esito dell'incontro del 19 febbraio con i candidati alle elezioni politiche

Ricerca: esito dell'incontro del 19 febbraio con i candidati alle elezioni politiche

Comunicato unitario della FLC CGIL, FIR CISL, UIPAUR e ANPRI sull'iniziativa che si è svolta al Centro Congresso Cavour.

21/02/2013
Decrease text size Increase  text size

Comunicato
FLC CGIL - FIR CISL - UIL RUA - ANPRI

Il 19 febbraio 2013 si è svolto l'incontro confronto tra le Organizzazioni Sindacali FLC CGIL, FIR CISL, UIL RUA e ANPRI e le forze politiche che hanno risposto all’invito rivolto a tutte le liste candidate alle prossime elezioni. Erano presenti Umberto Guidoni per SEL, Giulia Rodano per Rivoluzione Civile, Ezio Bussoletti per Fare Per fermare il declino, Walter Tocci per il PD. Paola Binetti UDC, impegnata a Genova, ha fatto pervenire un proprio comunicato stampa.

Il confronto è stato intenso e utile, nonostante una certa tendenza delle forze politiche - forse inevitabile durante una campagna elettorale - a sottolineare i punti di accordo con gli interlocutori, senza rispondere fino in fondo di quanto fatto e votato fino ad oggi.

Nel sottolineare la peculiarità della Ricerca rispetto alla Pubblica Amministrazione, tutti gli interlocutori politici hanno altresì evidenziato la sua centralità nel rilancio del nostro Paese e condannato le politiche dei precedenti governi per questo settore strategico.

È comunque opportuno evidenziare le questioni sulle quali si è registrato il massimo del consenso e della condivisione:

  • la ricerca pubblica deve vedere un incremento delle risorse a disposizione riportandole da subito almeno ai livelli precedenti ai tagli operati dagli ultimi governi;
  • è necessario incrementare il fondo ordinario e superare il meccanismo di finanziamento dei progetti bandiera e premiali chiaramente fittizio;
  • è necessario rilanciare il reclutamento attraverso un piano straordinario e un percorso di stabilizzazione del precariato accumulato in anni di blocco delle assunzioni;
  • è necessario rivedere il sistema di reclutamento a regime introducendo regole chiare e condivise nella direzione di istituire il tenure track;
  • è necessario individuare una governance unitaria di tutti gli Enti di Ricerca Pubblica superando le attuali frammentazioni che derivano dalla vigilanza di ben sette diversi ministeri;
  • è necessario ripristinare processi di autogoverno democratico di tutti gli Enti di Ricerca Pubblica, limitando l’ingerenza della politica
  • bisogna correggere gli errori conseguenti a scioglimenti o accorpamento di Enti di Ricerca Pubblica avvenuti in modo improprio negli ultimi anni;
  • occorre rivedere profondamente il ruolo e i compiti dell'ANVUR che ha platealmente fallito la sua missione utilizzando criteri per la valutazione non condivisibili e in alcuni casi addirittura unici nel panorama di quelli utilizzati per lo stesso fine negli altri Paesi;
  • è necessario dare finalmente piena attuazione alla Carta Europea dei Ricercatori, valorizzando e tutelando tutte le professionalità presenti negli Enti di Ricerca.

Si verificherà la coerenza tra quanto i partiti hanno affermato e quello che invece faranno concretamente in avvio della prossima legislatura. Proprio per questo motivo FLC CGIL, FIR CISL, UIL RUA e ANPRI intendono promuovere una iniziativa analoga di confronto entro due mesi dall’insediamento del nuovo governo. Quasi tutti i politici intervenuti hanno dato la loro disponibilità al confronto.

Roma, 20 febbraio 2013