FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3946924
Home » Ricerca » Precari » INDIRE: la FLC CGIL chiede l'avvio del processo di stabilizzazione di tutti i precari

INDIRE: la FLC CGIL chiede l'avvio del processo di stabilizzazione di tutti i precari

La nota della FLC CGIL indirizzata a Presidente e Direttore Generale INDIRE.

13/04/2018
Decrease text size Increase  text size

La firma del DPCM di riparto delle risorse per le stabilizzazione dei precari negli Enti Pubblici di Ricerca previste dalla legge di bilancio 2018, permette finalmente di avviare il processo di stabilizzazione tanto atteso. Si avvia la fase conclusiva di un percorso molto lungo, frutto della forte mobilitazione dei precari degli Enti, fra cui particolarmente significativa quella messa in campo all'INDIRE, che ha portato concretamente alla norma dell'articolo 20 del DLgs 75/17 e alle risorse poste nella legge di Bilancio.

Per l'INDIRE si tratta di 410.000 € per il 2018 e di 1.800.000 € per il 2019, ai cui dovranno aggiungersi le risorse del cofinanziamento previsto dalla norma, ovvero almeno altrettante risorse a carico dell'Ente (la norme prevede il cofinanziamento da parte degli Enti pari almeno al 50% delle spese complessive).  
Ora il presidente Biondi e il direttore generale Galli non hanno più scuse. Si proceda senza indugio all'apertura del tavolo di confronto per avviare il processo di stabilizzazione di tutti i precari INDIRE.
_________________

Roma 13 aprile 2018

    Al Presidente INDIRE
Dott. Giovanni Biondi

Al Direttore Generale INDIRE
Dott. Flaminio Galli

E p/c a tutti i dipendenti

Oggetto: Stabilizzazioni e piano di fabbisogno, richiesta di incontro urgente

Alla luce dell’imminente ufficializzazione del Dpcm nel quale vengono attribuiti all’INDIRE finanziamenti per la stabilizzazione nella misura di 410.000 euro per il 2018 e di 1.800.000 euro a partire dal 2019, la scrivente O.S. richiede la convocazione urgente del tavolo di trattativa per definire il percorso di stabilizzazione dei precari dell’INDIRE ai sensi dell’art. 20 comma 1 e 2 D. Lgs 75/2017 e come previsto dalla circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri n 3/2017.

Per raggiungere l’obiettivo di integrare nell’ente a tempo indeterminato i colleghi precari si devono poter utilizzare tutti i canali messi a disposizione dalla legge nella maniera più efficace e rapida possibile, stabilizzazioni comma 1 e comma 2, concorsi, scorrimenti di graduatorie.

Crediamo che a questo punto l’amministrazione debba e possa compiere uno sforzo per coprire nel triennio la stabilizzazione di tutti i 122 precari dell’ INDIRE.

Per la FLC CGIL
Stefano Bernabei

Altre notizie da: