FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3925901
Home » Ricerca » L’Oceanografia Italiana dopo la Thetis rischia di perdere anche l'Urania

L’Oceanografia Italiana dopo la Thetis rischia di perdere anche l'Urania

L'ennesimo tragico incidente sul lavoro causa la morte di un giovane elettricista mentre insieme ad altri 12 operai eseguiva lavori di manutenzione alla nave nel porto di Livorno.

26/08/2015
Decrease text size Increase  text size

Il 25 agosto 2015 un incidente ha coinvolto l’Urania, la nave oceanografica utilizzata dal CNR per ricerche in mare, mentre erano in corso lavori di manutenzione nel bacino galleggiante Mediterraneo al porto di Livorno. 

La FLC CGIL CNR esprime profondo cordoglio per il giovane elettricista morto. Esprime preoccupazione e solidarietà per gli altri operai feriti, alcuni gravi. La FLC CGIL è vicina alle famiglie colpite dal grave incidente e continua a denunciare come ancora oggi, si può morire sul lavoro.

Tutta la comunità scientifica italiana e non solo il CNR da moltissimi anni utilizza l’Urania per condurre molte e importanti campagne oceanografiche nel Mediterraneo nell’ambito di progetti sia nazionali sia internazionali. La mancanza di un tale mezzo avrà drammatiche conseguenze, non solo scientifiche.

La FLC CGIL si augura che il CNR possa nuovamente disporre in tempi brevi di una simile piattaforma.

Altre notizie da: