FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3844359
Home » Ricerca » ISPESL: il TAR del Lazio annulla il concorso per Dirigenti di Ricerca del 2004

ISPESL: il TAR del Lazio annulla il concorso per Dirigenti di Ricerca del 2004

Sentenza stupefacente, indicativa di come si aggirano le norme concorsuali e con esse la valutazione del "merito" scientifico. Nulli gli inquadramenti derivanti e gli incarichi attribuiti in conseguenza di dirigenza di due Dipartimenti Centrali (sentenza n. 11756/2007).

16/01/2008
Decrease text size Increase  text size

Con la sentenza numero 11756/2007, il TAR del Lazio annulla una procedura concorsuale pubblica, per Dirigente di Ricerca, dell'Ispesl del 2004. I giudici del TAR sostengono che la procedura è da annullare per illegittimità e per manifesta violazione di norme elementari. Infatti, la Commissione esaminatrice ha stabilito i criteri di valutazione dei titoli dei candidati dopo aver visto i curricula dei partecipanti al concorso, come risulta chiaramente dai verbali stessi della Commissione, mentre è notorio che i suddetti criteri devono essere determinati in maniera astratta, cioè prima di conoscere in concreto quali titoli i candidati posseggono. Per questa ragioni la procedura concorsuale impugnata deve essere annullata e a questo punto sono nulli sia gli inquadramenti che ne sono conseguiti, che gli incarichi attribuiti, a seguito della procedura concorsuale, di direzione di due Dipartimenti Centrali dell'Ispesl.

Ma ad oggi tutto tace all'Ispesl, cioè non si hanno notizie di applicazioni della sentenza, come chiedono i magistrati del TAR del Lazio.

Noi chiediamo l'immediata applicazione del dispositivo della sentenza e la rimozione degli attuali direttori dei due Dipartimenti, nominati in maniera illegittima.

Un Istituto importante come questo non può permettersi queste ombre, visto il suo ruolo di Ente di Ricerca, soprattutto in un momento in cui tutto il Paese è impegnato in una battaglia per la riduzione della piaga degli incidenti sul lavoro e in questa fase di discussione sul T.U. per la Sicurezza nei luoghi di lavoro, che affida nuovi e importanti compiti all'Ispesl.

In allegato il comunicato del Coordinamento Nazionale ISPESL.

Roma, 16 gennaio 2008

Altre notizie da: