FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3952891
Home » Ricerca » INAIL: l'esito del tavolo tecnico Ricerca del 24 settembre

INAIL: l'esito del tavolo tecnico Ricerca del 24 settembre

Sui rilievi di Funzione Pubblica e MEF sull'ipotesi di accordo sul salario accessorio 2018 la FLC CGIL sollecita un cambio di passo.

26/09/2019
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Nel corso del tavolo tecnico del 24 settembre scorso tenuto all'INAIL si sono affrontati gli argomenti di cui all'ordine del giorno, come la distribuzione dei Benefici Sociali 2018 e i rilievi della Funzione Pubblica e del MEF su Ipotesi di accordo sul salario accessorio 2018. 

Prima dell'inizio della riunione è stato sottoscritto l'accordo per la distribuzione della Fioroni, nonostante siano anche qui pervenuti rilievi da Funzione Pubblica, che però INAIL concordando con le posizionini assunte dai sindacati, ha inteso contestare e procedere come gli anni passati per l'erogazione della Fioroni, anche per il personale precario a tempo determinato.

Nel merito invece dei Benefici Sociali la discussione si è arenata di fronte alla proposta dell'amministrazione di distribuire i residui del 2017 pari a circa 21mila euro in parti uguali su tutte le voci, diversamente da quanto fatto lo scorso anno, quando erano stati distribuiti i residui solo su due voci, asili nido e università. Data la non perfetta sintonia tra le posizioni al tavolo, anche in assenza dei dati dello scorso anno, che potevano aiutare nella decisione,  i sindacati hanno chiesto di rinviare la ratifica in attesa dell invio dei dati.

L'altro punto all'ordine del giorno era la discussione dei rilievi fatti da FP e MEF su Ipotesi di accordo integrativo su utilizzo fondi salario accessorio livelli IV-VIII e I-III per il 2018, nel merito di alcune indennità di cui si compone il salario accessorio. Le indennità poste in discussione e su cui si sono concentrati i rilievi sono:
  • indennità di sede disagiata,  si eccepisce su erogazione importo giornaliero e non mensile, 
  • indennità informatica, di cui si chiede di definire i criteri
  • indennità di Oneri Specifici, di cui si contesta la corresponsione in maniera generalizzata e indifferenziata.
Su quest'ultima come FLC abbiamo contestato i rilievi fatti gia in altri Enti, con note ufficiali della FLC nazionale, ribadendo la piena applicazione del CCNL e del art 7 comma 5 del dlgs 165/2001.
Sulle altre indennità invece come FLC CGIL abbiamo proposto nuovamente la cancellazione di alcune indennità (contestate) e utilizzare le risorse per aumentare l'importo dell'indennità di ente mensile, pensionabile e liquidabile.

Tema questo indigesto all'INAIL che insiste nel sostenere l'impossibilità ad aumentare l'indennita di ente mensile nonostante molti Enti di Ricerca abbiano proceduto a farlo dal 2015, come  Ispra che ha aumentato del 9 %, ma anche l'INAF che ha aumentato del 4 % e ISTAT del 6% per il 2015 e di un altro 6% nel 2018, ecc.

Alle nostre proposte, come é evidente tutte percorribili l'amministrazione risponde con la difesa di un impianto sull'accessorio, ormai datato, che andrebbe modificato per estendere i benefici ad una platea più ampia.

Auspichiamo la convergenza di Cisl e UIL sul'obiettivo di aumentare l'indennità mensile o di esplicitare le loro posizioni. 

Chiediamo all'Amministrazione un'assunzione di responsabilità dalle quali non si può sempre sfuggire, l'alternativa é la palude dalla quale si sottrarrà la FLC CGIL.

Altre notizie da: